Consulenza o Preventivo Gratuito

Retribuzioni risarcite se il licenziamento è orale

del 10/01/2011

Retribuzioni risarcite se il licenziamento è orale

Il lavoratore licenziato solo verbalmente può far valere la nullità del licenziamento che non interrompe la continuità del rapporto di lavoro e quindi ha diritto al rimborso delle retribuzioni perse. Lo afferma la Cassazione (sentenza n. 77 del 3/01/2011) secondo cui: "La mancata esecuzione della prestazione lavorativa, imputabile al datore di lavoro, genera il diritto al risarcimento del danno normalmente pari alle retribuzioni perse". La mancata osservanza dell'onere della forma scritta, imposto dall'articolo 2, L. 15 luglio 1966 n. 604, comporta infatti l’impossibilità di fruire della tutela reale prevista dall'articolo 18, L. 20 maggio 1970 n. 300. Da qui la decisione sul caso di specie della Corte d'Appello che ha dichiarato nullo il licenziamento orale intimato ad un lavoratore e condannato la datrice di lavoro a risarcire il danno in misura pari alle retribuzioni spettanti fino a tre anni dopo il licenziamento.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Ok al licenziamento del cassiere che accetta metodi di pagamento non consentiti

del 27/12/2010

Per la sezione lavoro della Corte di Cassazione (sentenza n. 26108/2010) è legittimo il licenziament...

Licenziamento: legittimo intimarlo se per causa diversa dal primo, giudicato illegittimo

del 25/01/2011

Lo Statuto dei lavoratori prevede per le aziende che impiegano più di 15 dipendenti "la tutela reale...

Rinvio delle disposizioni sull'impugnazione dei licenziamenti

Luca Failla del 15/03/2011

L’attenzione alle novità legislative non disgiunta da una particolare sensibilità a cogliere subito...