Consulenza o Preventivo Gratuito

Ok al licenziamento del cassiere che accetta metodi di pagamento non consentiti

del 27/12/2010

Ok al licenziamento del cassiere che accetta metodi di pagamento non consentiti

Per la sezione lavoro della Corte di Cassazione (sentenza n. 26108/2010) è legittimo il licenziamento disciplinare di un cassiere che accetta metodi di pagamento non consentiti dall'azienda per cui lavora. Il caso di merito riguardava un lavoratore che aveva accettato in pagamento da persone poco raccomandabili degli assegni bancari, poi risultati scoperti. Attraverso questo comportamento il dipendente aveva determinato un danno all'azienda. Secondo la Corte in casi del genere risulta certamente compromesso il vincolo fiduciario che lega imprenditore e dipendente anche perchè nel corso del giudizio si è accertato che il cassiere era consapevole del divieto di accettare in pagamento assegni di conto corrente e la circostanza che egli conoscesse personalmente i clienti da cui aveva preso gli assegni non lo dispensava dal divieto.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Retribuzioni risarcite se il licenziamento è orale

del 10/01/2011

Il lavoratore licenziato solo verbalmente può far valere la nullità del licenziamento che non interr...

Licenziamento: legittimo intimarlo se per causa diversa dal primo, giudicato illegittimo

del 25/01/2011

Lo Statuto dei lavoratori prevede per le aziende che impiegano più di 15 dipendenti "la tutela reale...

Rinvio delle disposizioni sull'impugnazione dei licenziamenti

Luca Failla del 15/03/2011

L’attenzione alle novità legislative non disgiunta da una particolare sensibilità a cogliere subito...