Consulenza o Preventivo Gratuito

Falso becchino ruba al cimitero: è furto aggravato

del 03/01/2011

Falso becchino ruba al cimitero: è furto aggravato

Per chi si finge becchino per rubare al cimitero il furto è soggetto ad aggravante. Lo afferma la Cassazione in merito al caso di un uomo che aveva commesso una serie di furti in un camposanto fingendo di essere un addetto alla cura delle tombe. Per la corte l'aggravante è dovuta al fatto che "per non destare sospetti nei visitatori e per giustificare la sua presenza in un luogo da dove poteva agevolmente studiare i comportamenti dei visitatori e scegliere le vittime, l'imputato si era finto un addetto alla cura delle tombe intento a bagnare i fiori deposti sulle sepolture". Questa condotta, spiega la Corte, "configura una attività insidiosa e fraudolenta diretta a sorprendere e soverchiare la vittima" giacchè "simulando la cura dei fiori, l'imputato si pose nella posizione per osservare i movimenti dei visitatori senza essere sospettato". Una condotta che evidenzia "non solo il carattere fraudolento, ingannevole, ma dimostra il rilevante ruolo ai fini dell'abbassamento delle difese della vittima e del buon esito della condotta illecita".

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La quantificazione del tasso alcolico

del 19/07/2010

Tribunale di Monza 17-07-2008 Giudice Monocratico Barbara - ART. 186 C.D.S. Poiché oggi la quantific...

Guida in stato di ebbrezza: co-proprietà

del 27/07/2010

Sequestro dell’auto per guida in stato di ebbrezza anche se vi sono due proprietari. Questa la dec...

Differimento della pena per il malato

del 13/09/2010

"Il giudice investito della delibazione della domanda per l'applicazione dell'art. 147 c.p. deve ten...