Consulenza o Preventivo Gratuito

Fabbricati in costruzione: nuove regole per la vendita su carta

del 24/11/2017

Fabbricati in costruzione: nuove regole per la vendita su carta

In arrivo nuove regole per la cosiddetta vendita su carta dei fabbricati, relative cioè alla vendita di fabbricati in costruzione. Scopriamo tutte le novità, oggetto di un disegno di legge.

Fabbricati in costruzione: più tutele per gli acquirenti

Pochi giorni fa è stato approvato in via definitiva il ddl relativo alla riforma organica delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza. All’interno del disegno di legge sono presenti anche aspetti che riguardano direttamente la vendita dei fabbricati prima del termine della costruzione, un aspetto che interessa molti acquirenti e che più volte è stato oggetto di controversie.

Al fine di offrire una tutela maggiore ai compratori, il disegno di legge amplia la presenza del notaio non solo all’atto di compravendita, come già oggi avviene, ma ne estende l’intervento anche alle fasi della trattativa, ed in particolare nella stipula del contratto preliminare d’acquisto.

Fabbricati in costruzione: i nuovi obblighi

In particolare la vendita dei fabbricati in costruzione potrà avvenire solo in seguito a nuovi obblighi che prevedono in primo luogo la stipula con un atto pubblico o l’autentica di una scrittura privata del contratto preliminare di acquisto.

In secondo luogo sarà compito del notaio verificare la presenza di una fideiussione in fase di firma del contratto preliminare, mentre alla firma del rogito dovrà essere verificata anche la presenza dell’assicurazione decennale postuma.

Nel caso in cui l’assicurazione decennale postuma non sia presente, il contratto potrà essere ritenuto nullo con il conseguente annullamento della vendita.

Questo ultimo punto in particolare tutela maggiormente gli acquirenti da eventuali difetti di costruzione dell’edificio, difficili da verificare prima del termine dei lavori, ma si tradurrà in un ulteriore obbligo per le imprese costruttrici che dovranno dotarsi dell’assicurazione fin dalle prime fasi di realizzazione dell’edificio.

Anche la presenza della fideiussione costituisce un ulteriore passaggio obbligatorio, in quanto questa dovrà avere caratteristiche specifiche che non sono ancora state comunicate nel dettaglio, ma che con tutte probabilità saranno piuttosto stringenti in merito alle caratteristiche della fideiussione stessa.

Ne consegue che le imprese di costruzione dovranno adeguarsi in anticipo all’entrata in vigore della nuova normativa, anche perché le compagnie assicurative richiederanno più perizie sui cantieri interessati, per verificare l’effettivo svolgimento delle opere secondo le norme previste e potrebbe quindi essere più complicato chiederne l’intervento a cantiere già avviato.

Non è invece ancora chiaro quali saranno gli obblighi per i cantieri già avviati ma non ancora terminati alla data di entrata in vigore della legge.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Fatto notorio per danno da inadempimento contrattuale

del 23/09/2010

Con la sentenza n. 18748 del 19/8/2010 la Corte di cassazione si è occupata della richiesta di risol...

Procedimento sommario di cognizione applicabile anche alle liti sulla locazione

del 02/11/2010

Il Tribunale di Napoli, sez. II civile, con ordinanza del 25 maggio 2010 ha sancito che “il procedim...

Mantenimento: la casa coniugale corrisponde al costo locazione

del 31/12/2010

Nel calcolo per la quantificazione dell’assegno di mantenimento all’ex coniuge il valore della casa...