Consulenza o Preventivo Gratuito

Stop alle bollette 28 giorni

del 29/11/2017

Stop alle bollette 28 giorni

La decisione di alcune compagnie telefoniche e fornitori di energia di emettere bollette 28 giorni ha suscitato fin da subito notevoli perplessità tra i consumatori. Un emendamento al decreto fiscale potrebbe però mettere lo stop definito a questa pratica.

Bollette 28 giorni: lo stop da un emendamento

Tra gli emendamenti al decreto fiscale appena reso noto, è presente un provvedimento volto a tutelare gli utenti dalla pratica commerciale messa in atto da diversi operatori dell’energia e dei servizi telefonici.

Molti utenti infatti, attivando un nuovo contratto, sono stati costretti ad aderire alla pratica di fatturazione ogni 4 settimane, con un cambiamento sostanziale rispetto alle tariffe mensili prima applicate.

In alcuni casi inoltre il cambiamento è stato applicato anche a contratti già in essere, con gli utenti che si trovano quindi costretti a pagare l’equivalente di una mensilità aggiuntiva ogni anno.

Bollette 28 giorni: la norma

La norma contro le bollette 28 giorni potrebbe trovare un’effettiva attuazione a breve, con conseguenze importanti per gli operatori del settore.

Infatti sono state ipotizzate sanzioni per le compagnie che non modificheranno la periodicità della fatturazione, con sanzioni fino a 5 milioni di euro e con un minimo di 500.000 euro.

Tuttavia la multa non sarà l’unico provvedimento; infatti l’emendamento contiene anche una misura di risarcimento per gli utenti, ai quali dovrà essere riconosciuto un importo minimo di 50 euro per ogni contratto. Tuttavia è possibile che vengano inasprite le cifre dei rimborsi, in quanto secondo alcune associazioni dei consumatori, le compagnie dovrebbero restituire per intero quanto fatturato in eccedenza fino ad ora; ne consegue che il risarcimento forfettario proposto potrebbe non essere ritenuto adeguato.

Si tenga presente a tal proposito che l’ammontare delle cifre ricavate dalla fattura aggiuntiva non è indifferente; secondo alcuni calcoli sarebbero circa 1,2 miliardi annui le somme derivanti dalla fatturazione breve per il solo traffico telefonico mobile e fisso.

Come detto, il provvedimento al momento sta seguendo l’iter di approvazione previsto per gli emendamenti al decreto fiscale, ma visto l’interesse per i consumatori e il clamore suscitato dal caso, non si esclude che il decreto possa essere modificato ulteriormente a favore dei consumatori.

Precisiamo infine che la fatturazione a 28 giorni non è stata applicata da tutte le compagnie telefoniche e dell’energia, anche se tale prassi ha coinvolto alcuni tra i nomi più importanti del settore.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...