Consulenza o Preventivo Gratuito

Incidenti stradali: in arrivo nuove regole per i risarcimenti

del 05/09/2017

Incidenti stradali: in arrivo nuove regole per i risarcimenti

La recente comunicazione della legge 124/2017, detta anche sulla concorrenza e sul mercato, ha introdotto importanti novità per quanto riguarda l’ambito dei risarcimenti in seguito agli incidenti stradali. Vediamo quali sono le novità introdotte.

Incidenti stradali: tabella unica per il danno biologico

La prima novità in merito alle conseguenze dei sinistri stradali riguarda il calcolo del danno biologico. La nuova legge, infatti, ha dato il via alla creazione della tabella unica nazionale di riferimento per il calcolo dei danni permanenti di natura sia fisica sia psichica.

In particolare, la nuova tabella comprenderà i possibili danni a partire dal 10% di invalidità, riconoscendo per ogni danneggiamento anche l’equivalente in denaro previsto per il risarcimento.

I risarcimenti in seguito a danni di entità inferiore saranno comunque uniformati con una tabella di riferimento separata.

La presenza di danni permanenti dovrà d’ora in poi essere certificata tramite i necessari esami e approfondimenti clinici, a esclusione dei danni visibili (come ad esempio quelli alla pelle, come ustioni o cicatrici).

Il giudice avrà comunque la facoltà di incrementare eventualmente i danni da tabella, fino a un massimo del 30% in più del previsto solo nei casi in cui le lesioni permanenti abbiano un’influenza dimostrabile per il vissuto personale della vittima dell’incidente.

Incidenti stradali: nuove regole per i testimoni

Un altro importante capitolo della nuova legge sugli incidenti stradali riguarda i testimoni.

Diversamente da quanto accadeva in precedenza, eventuali testimoni dovranno essere indicati immediatamente nel caso in cui il danno non coinvolga persone e non potranno quindi essere prodotti successivamente.

Differente è invece il caso degli incidenti con danni alle persone; in questo caso i nominativi dei testimoni potranno essere forniti anche in un secondo momento.

I nominativi dei testimoni verranno vagliati per verificare il numero delle testimonianze precedenti. Infatti, se una persona ha testimoniato in più di tre cause nell’arco di cinque anni potrà essere sottoposta ad accertamenti per verificarne la buona fede. In caso contrario sarà possibile procedere per falso o per frode assicurativa, nei casi più gravi.

Maggiore valore assume infine la cosiddetta scatola nera, cioè lo strumento installato sul veicolo e in grado di registrare il comportamento alla guida prima del sinistro. I dati ricavati dallo strumento verranno infatti utilizzati come prova in ambito di dibattimento sull’incidente al pari di quanto avviene per i verbali redatti dalle forze dell’ordine.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...