Consulenza o Preventivo Gratuito

Cos’è il nuovo certificato revisione auto

del 16/05/2017

Cos’è il nuovo certificato revisione auto

Novità in arrivo per il certificato revisione auto che a partire dal prossimo anno sarà più restrittivo ed offrirà maggiori tutele ai consumatori. Scopriamo tutte le novità.

Certificato revisione auto: le novità dal 2018

Nei prossimi giorni il nostro paese dovrà adeguarsi alla direttiva europea che ha introdotto regole più stringenti per quanto riguarda la revisione dei veicoli. In seguito l’Italia avrà un anno di tempo per l’entrata in vigore delle regole aggiornate ed è quindi plausibile che il nuovo certificato non sia effettivo fino al 2018. A partire dal prossimo anno l’ottenimento del certificato diventerà meno semplice e sarà inoltre richiesta la registrazione di dati aggiuntivi. Cambieranno anche i tempi per la revisione del veicolo, che diventerà più frequente per i veicoli con chilometraggio superiore ai 160.000 chilometri o per quelli che hanno subito incidenti importanti. Inoltre chi effettua la revisione sarà tenuto a registrare e comunicare una serie di dati che confluiranno in un database unico, consultabile anche dal singolo cittadino. Non cambieranno, invece, i periodi di revisione validi in generale: la revisione dovrà essere quindi effettuata ogni due anni a partire dal quarto anno dall’immatricolazione del veicolo.

Certificato revisione auto: più tutele per i consumatori

Una novità importante in merito al certificato revisione auto riguarderà il chilometraggio della vettura, che dovrà essere registrato ad ogni revisione del veicolo. I dati relativi ai chilometri confluiranno poi in un database insieme agli altri dati del veicolo, in modo da poter essere consultati per qualsiasi necessità. Questo provvedimento potrebbe segnare una svolta nei diritti dei consumatori per quanto riguarda la compravendita di auto usate, in quanto andrebbe a contrastare la pratica scorretta di revisione del chilometraggio, di cui gli acquirenti dei veicoli usati potrebbero divenire vittime. In seguito all’istituzione della banca dati, è infatti probabile che i cittadini possano consultare autonomamente i dati relativi al veicolo, inserendo semplicemente la targa del veicolo di interesse. Anche se non aggiornato al momento della consultazione, il dato sul chilometraggio diventerebbe comunque importante per valutare il reale stato del veicolo. Quest’ultimo punto sembrerebbe essere l’ostacolo maggiore all’introduzione del nuovo certificato, anche se non è escluso che una modifica all’attuale sistema di raccolta dei dati sui veicoli possa essere effettuato in un asso di tempo relativamente breve. Oltre al chilometraggio i cittadini potranno effettuare anche altri controlli, primo tra tutti la corretta presenza dellerevisioni periodiche.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...