Consulenza o Preventivo Gratuito

Bonus mamma domani: come funziona e a chi è destinato

del 08/05/2017

Bonus mamma domani: come funziona e a chi è destinato

Scopriamo con la guida seguente come funziona e quali sono i requisiti per accedere al nuovo bonus mamma domani, erogato dall’INPS.

Cos’è il bonus mamma domani e come funziona

Il bonus erogato dall’INPS consiste in un versamento di 800 euro, pensati per far fronte alle prime spese necessarie per il bambino subito dopo la nascita o durante gli ultimi mesi di gestazione. Viene erogato in un’unica soluzione ed è una misura una tantum, cioè non ricorrente.

Per la richiesta è necessario presentare un’apposita domanda per via telematica all’INPS che a seconda della situazione della donna interessata dovrà essere allegata ad alcuni documenti. Nello specifico, se la donna è in gravidanza dovrà allegare un documento che attesti la data presunta del parto. Al contrario, se il bambino è già nato, è necessario un certificato di nascita che indichi anche le generalità del minore, ma è comunque possibile un’autocertificazione. In caso di pre affido o di adozione è invece necessario presentare la documentazione che permetta di risalire alla pratica oggetto dell’adozione o dell’affido nazionale o internazionale.

A chi è destinato il bonus mamma domani

Ilbonus mamma domanipuò essere richiesto a partire dal settimo mese di gravidanza o comunque per i bambini nati a partire dal primo gennaio 2017. Il bonus economico è riconosciuto anche alle donne che hanno adottato o ricevuto in affidamento un minore al fine dell’adozione, sia nazionale sia internazionale. Possono usufruirne tutte le mamme e le future mamme che abbiano residenza in Italia, che siano in possesso dello status di rifugiate politiche o alle quali è stato riconosciuto un permesso di soggiorno di lunga durata.

La misura è erogata a prescindere dal reddito della donna e della famiglia, e non è quindi necessario presentare la documentazione ISEE richiesta per altre iniziative analoghe. Il bonus è inoltre compatibile con altre forme di sussidio al reddito o di sostegno, anche specifiche per le neomamme.

Per l’ottenimento del bonus è necessario compilare la domanda online disponibile dallo scorso quattro maggio. È possibile farsi assistere da un professionista o da un patronato per la compilazione, ma la presentazione può essere effettuata anche in autonomia. In questo caso è necessario essere in possesso del PIN di autenticazione ai servizi online dell’INPS, la cui richiesta è gratuita ed è consigliata in quanto consente di accedere anche ad altre funzionalità utili del sito dell’ente pensionistico.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Assegno familiare: requisiti per il 2012

Avv. Elisabetta Fedegari del 07/02/2012

L'assegno per il nucleo familiare è un assegno concesso dai Comuni ai cittadini italiani o comunita...

Diritto del padre al congedo

Rag. Maurizio Cason Villa del 22/02/2012

Con una sentenza dello scorso 9 febbraio 2012 viene riconosciuto al padre il diritto di usufruire d...

Obbligo del mantenimento quando la paternità è certa

Avv. Monica Mores del 22/05/2012

La violazione dell’articolo 570 codice penale è contestabile al genitore che si sottrae all’obbligo...