Consulenza o Preventivo Gratuito

Il disegno di legge sull’omicidio di identità

del 11/04/2017

Il disegno di legge sull’omicidio di identità

Scopriamo i contenuti di un nuovo disegno di legge volto a punire un reato tanto grave quanto odioso: l’omicidio di identità

Cos’è il reato di omicidio di identità

Partiamo innanzitutto dalla definizione di questa nuova tipologia di reato che potrebbe entrare a breve nel codice penale italiano. Uccidere un’identità è un reato diverso dall’omicidio, in quanto a subire la morte non è la persona nel suo complesso, ma solo una parte di essa. Il reato è stato pensato per punire i colpevoli di aggressioni che pur non causando la morte della vittima provocano un annullamento di alcuni suoi aspetti, che tipicamente identifichiamo con l’identità della persona, come i tratti somatici del viso. Tra i reati che potrebbero essere quindi puniti in seguito all’approvazione del disegno di legge, rientrano le aggressioni con l’acido o le ustioni volte a cancellare in tutto o in parte i tratti somatici tipici della persona stessa.

Le pene possibili per l’omicidio di identità

Il disegno di legge sull’omicidio di identità, se approvato, consentirà di punire con una pena fino a 12 anni di reclusione chiunque si renderà colpevole di un atto volto a cancellare totalmente o parzialmente i tratti somatici del viso di un’altra persona, in modo volontario (sono quindi esclusi gli incidenti o in generale gli eventi di tipo colposo).

Tuttavia la pena di 12 anni di reclusione potrebbe essere inasprita fino alla metà, con un’aggiunta da 4 a 6 anni di pena, nel caso in cui il reato sia commesso da un parente della vittima o da una persona a lei legata da un rapporto affettivo, anche se precedente o concluso al momento dell’aggressione.

In caso di condanna, l’aggressore o gli aggressori subiranno anche l’allontanamento da ogni professione e la perdita di alcuni diritti, come quello alla ricezione degli alimenti e il diritto all’eredità.

Al momento la proposta è ancora allo status di disegno di legge e non è dato sapere quando giungerà alla discussione in aula. Tuttavia sembra chiaro fin da ora che la norma sarà accompagnata dall’istituzione di un osservatorio volto a monitorare il fenomeno, con lo scopo di attuare precise iniziative di prevenzione di un fenomeno presente anche nel nostro paese e per il quale la legislazione italiana ha fino ad ora conosciuto un vuoto normativo che non consente l’adeguato riconoscimento delle vittime di questo tipo di aggressioni.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...