Consulenza o Preventivo Gratuito

Vendere casa prima di 5 anni dall'acquisto: conseguenze

del 21/02/2017

Vendere casa prima di 5 anni dall'acquisto: conseguenze

L’acquisto o la costruzione della prima casa è oggetto di diverse agevolazioni in ambito fiscale. Ma cosa accade quando chi ha usufruito delle agevolazioni decide di vendere l’immobile?

Stop alle agevolazioni entro cinque anni

In linea di massima, le norme in vigore prevedono che per usufruire delle agevolazioni fiscali, la prima casa debba essere mantenuta di proprietà per un periodo non inferiore ai cinque anni dalla data di acquisto. Nel caso in cui si effettui la vendita in un periodo precedente, chi ha usufruito di agevolazioni fiscali è tenuto a pagare per intero le tasse previste, integrando quindi quanto già versato, fino al raggiungimento della misura ordinaria, a cui si aggiunge una tassa ulteriore pari al 30% del dovuto. Tuttavia, come precisato dalla stessa Agenzia delle Entrate e ribadito in alcune sentenze, esistono delle eccezioni al caso.

Agevolazioni valide in caso di un nuovo acquisto

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n°13/2017, ha circoscritto i casi di applicazione della norma precedente, precisando i casi nei quali il proprietario non decade dai benefici ottenuti per la prima casa.

In particolare è possibile non decadere dai benefici fiscali già sfruttati, acquistando un nuovo immobile da adibire ad abitazione principale, entro dodici mesi dalla vendita della casa precedente. La nuova abitazione deve appartenere alle categorie catastali non classificabili come di lusso, cioè deve essere inclusa in categorie diverse da A1, A8 e A9.

Tuttavia esiste un’ulteriore possibilità per non decadere dalle agevolazioni, che consiste nella costruzione di un nuovo immobile su un terreno di cui si è proprietari. Non è però necessario che il terreno sia in possesso già al momento della vendita del primo immobile; è però necessario che esso venga acquistato entro un anno dalla vendita. Tuttavia il solo possesso del terreno sul quale costruire la nuova abitazione principale non è di per sé sufficiente per non decadere dai benefici sulla prima casa. Infatti il proprietario deve dimostrare, sempre entro dodici mesi, la presenza di un edificio adatto all’uso come prima casa.

In realtà, come precisato nella risoluzione citata, non è obbligatorio che al termine dei dodici mesi l’edificio sia del tutto terminato. Per non decadere dall’agevolazione è sufficiente che sia presente un edificio al rustico, cioè con i muri perimetrali presenti e con la copertura ultimata. I restanti lavori possono quindi essere terminati anche in un periodo successivo, fermo restando l’obbligo di adibire a prima casa l’edificio in questione, una volta terminati i lavori di costruzione.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La tutela dell'acquirente nella vendita degli immobili da costruire

Avv. Fabio Benatti del 12/09/2011

Il decreto legislativo n. 122 del 20 giugno 2005 è volto a tutelare il promissario acquirente di un...

Il ruolo del mediatore immobiliare

Avv. Raffaello Boni del 02/04/2012

La recente sentenza n. 4830 della Corte di Cassazione del 26 marzo ribadisce con fermezza un princip...

ACE Lombardia: istruzioni per professionisti e privati

Arch. Silvia Volpe del 29/03/2013

Con Decreto Dirigente Unità Organizzativa 23 ottobre 2012 n. 9433 sono state introdotte novità rig...