Consulenza o Preventivo Gratuito

Bollo auto illegale? Ecco perché non lo è

del 04/11/2016

Bollo auto illegale? Ecco perché non lo è

Nonostante circoli in rete a diverso tempo, ci siamo imbattuti di nuovo in una notizia già smentita da più parti come "bufala", cioè come notizia falsa. Ci riferiamo al bollo auto, che secondo chi diffonde questa falsa notizia sarebbe illegale per le leggi dell'Unione Europea e per questo motivo il pagamento potrebbe essere evitato. Scopriamo perché ciò non corrisponde al vero.

La notizia falsa: il bollo auto italiano è illegale

Partiamo dalla notizia, che ribadiamo essere falsa: secondo quanto affermato negli articoli e nei post diffusi su diversi social network, il pagamento del bollo automobilistico sarebbe illegale, in quanto violerebbe le normative europee. Per questo motivo i possessori di auto ed altri veicoli sarebbero esentati dal pagamento del bollo annuale dovuto alla regione o alla provincia autonoma di residenza. Sempre stando a quanto affermato dalla notizia, l'Italia sarebbe oggetto di una sanzione ricorrente da parte dell'Unione Europea, proprio per la presenza del bollo auto, sanzionato dalla UE come non legittimo.

I fatti: il bollo auto come tassa legale

Diversi anni fa la questione della legittimità del bollo auto fu sollevata a livello europeo per confrontare la tassa italiana con eventuali analoghi provvedimenti degli altri stati membri. La risposta pervenuta dall'Unione Europea non presenta spazio ad equivoci: ogni stato membro ha facoltà di decidere in merito alla tassazione dei veicoli. Ne consegue naturalmente che il bollo per i veicoli italiani è di competenza dello stato italiano e che quindi la sua esistenza non può esser emessa in discussione. La conseguenza più diretta per i cittadini è quindi che il bollo auto deve essere pagato nei tempi e per gli importi previsti, che variano in base alla potenza del veicolo ed alla regione di residenza del possessore.

Cosa fare in caso di bollo non pagato

Chiunque non sia in regola con il pagamento di una o più annualità, può mettersi in regola in qualsiasi momento pagando la sanzione prevista, che è proporzionale al numero di giorni di ritardo. Nel caso in cui si abbia ricevuto una cartella che intima il pagamento della tassa, questa dovrà essere pagata secondo quanto previsto dalla comunicazione che accompagna la richiesta di pagamento. Si ricorda che in caso di mancato pagamento del bollo auto è possibile incorrere nella procedura prevista per il mancato pagamento di una tassa, che prevede in primo luogo la ricezione di una comunicazione in merito da parte dell'agenzia incaricata alla riscossione e in secondo luogo l'inizio dell'iter di riscossione.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Guida in stato di ebbrezza e confisca dell'auto

del 10/09/2010

Non scatta la confisca obbligatoria dell’automobile se la persona fermata dalle Forze dell’Ordine h...