Consulenza o Preventivo Gratuito

Pensioni: tutte le misure della riforma 2016

del 01/11/2016

Pensioni: tutte le misure della riforma 2016

Dopo l'approvazione della legge di stabilità 2017, approfondiamo tutti gli aspetti che riguardano uno dei temi più dibattuti della manovra finanziaria, cioè la riforma delle pensioni.

Al via nel 2017 le pensioni anticipate

Secondo quanto stabilito nella legge di stabilità, l'anticipo della pensione entrerà in vigore a partire dal mese di maggio 2017. A quella data potranno usufruire dell'APE, cioè dell'anticipo pensionistico, i lavoratori con almeno 63 anni e vent'anni di contribuzione. L'anticipo previsto massimo è quindi pari a tre anni e sette mesi. Per ogni anno di anticipo rispetto alla data di pensionamento prevista, il pensionato è tenuto a restituire in media il 4,6% annuo della pensione a titolo di rimborso del periodo di pensionamento anticipato.

Coloro che hanno un'invalidità o sono disoccupati possono invece usufruire dell'anticipo della pensione a titolo gratuito (è il cosiddetto APE social), a patto che abbiano maturato almeno 30 anni di contribuzione.

Anche nel caso in cui si svolga un lavoro cosiddetto usurante è possibile chiedere l'anticipo, ma in questo caso è richiesta la presenza di 36 anni di contributi.

Per poter usufruire dell'APE social è comunque necessario che il reddito pensionistico non superi i 1.500 euro lordi mensili; in caso contrario è richiesto il versamento di una rata proporzionale alla cifra in eccedenza rispetto alla soglia massima. 

Le misure per i lavoratori precoci e pensionati minimi

La legge di stabilità ha previsto anche una misura a tutela dei lavoratori precoci, cioè di coloro che sono entrati nel mondo del lavoro prima dei 19 anni di età. Nel caso in cui si abbiano maturato almeno 12 mesi di lavoro prima del compimento dei 19 anni, è concessa la possibilità di accedere alla pensione al raggiungimento di 41 anni di contributi, a prescindere dall'età nel solo caso in cui il lavoratore sia disoccupato o rientri nei requisiti richiesti per l'APE social.

Per coloro che percepiscono l'assegno di pensione minimo, è stata approvata la ricezione della quattordicesima mensilità che coinvolgerà quindi anche coloro che ricevono una pensione fino a 1.000 euro (in precedenza il limite era di 750 euro).

Sono state infine previste agevolazioni fiscali per poter usufruire delle somme destinate al trattamento di fine rapporto se depositate in azienda. Inoltre è stata estesa la possibilità di applicare il cumulo dei contributi per accedere alla pensione anticipata, calcolando anche il riscatto degli anni di studio universitario.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...