Consulenza o Preventivo Gratuito

Condominio: la sicurezza negli spazi comuni

del 15/09/2016

Condominio: la sicurezza negli spazi comuni

Gli spazi comuni rappresentano spesso un motivo di discussione tra gli abitanti di un condominio. Cosa prevede la legge per garantire la sicurezza degli spazi comuni, come ad esempio depositi o garage in uso al condominio? Scopriamolo.

L'uso degli spazi comuni

L'utilizzo degli spazi comuni deve rispondere alle norme condominiali previste ma più in generale alle regole di buon senso che dovrebbero guidare tutti i comportamenti della vita civile. Tuttavia non è raro il caso in cui, ad esempio, spazi comuni ad uso di tutti i condomini come depositi o garage vengano lasciati aperti, mettendo così a rischio la sicurezza dei beni contenuti, che siano privati o in uso di tutti i condomini. Nel caso specifico, la legge non prevede alcun tipo di reato, in quanto lasciare aperto una serratura (come potrebbe essere la porta di casa), non costituisce di per sé un comportamento sanzionabile. Tuttavia nel caso specifico, e ad esempio in seguito a un furto, quello che potrebbe configurarsi è lo spazio per una causa civile.

Cosa dice il codice civile in materia di condominio

Il codice civile italiano stabilisce che tutti i condomini possono utilizzare i beni comuni, a patto che non ne venga alterata la destinazione d'uso e che l'utilizzo non ne comprometta l'uso da parte degli altri condomini (art. 1.102, comma 1). In questo senso lasciare aperto, e quindi potenzialmente incustodito uno spazio comune, potrebbe portare ad un rischio per la sicurezza di ciò che è contenuto e quindi configurare un utilizzo non corretto. Tuttavia quanto detto è un'interpretazione dell'articolo, che come tale potrebbe essere discutibile.

Un consiglio pratico, molto più semplice da attuare, è piuttosto quello di inserire nel regolamento condominiale una regola specifica che preveda il rispetto delle norme di sicurezza per gli spazi comuni, con la specifica ad esempio della chiusura tramite chiave di deposti o garage condominiali.

In questo senso è inoltre possibile inserire nel regolamento condominiale specifiche sanzioni per i condomini che non rispettano questa regola, in modo da dissuadere dal comportamento e rendere quindi maggiormente sicuro lo spazio in uso a tutti i condomini. Ricordiamo a tal proposito che l'inserimento di sanzioni nel regolamento condominiale è consentito fino ad un massimo di 200 euro (che diventano 800 in caso di comportamento recidivo) e che i fondi eventualmente raccolti a titolo di sanzione devono essere versati nel fondo detenuto dall'amministratore condominiale per le spese ordinarie.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

La redazione del 02/10/2015

Nei giorni scorsi è entrata in vigore la nuova normativa che regola l'utilizzo delle caldaie ad uso...

Condominio: non basta la ricevuta dei pagamenti

del 21/09/2010

La ricevuta di pagamento emessa dall'amministratore al condomino rappresenta la prova della ricezion...

Telecamere vietate in condominio

del 29/12/2010

Vietata la videosorveglianza condominiale per la tutela dell'incolumità delle persone e delle cose d...