Consulenza o Preventivo Gratuito

Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

del 02/10/2015

Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

Nei giorni scorsi è entrata in vigore la nuova normativa che regola l'utilizzo delle caldaie ad uso domestico ed il riscaldamento centralizzato nei condomini. Cosa cambia per il consumatore e quali sono gli obblighi previsti dalla legge europea?

Valvole sui termosifoni: un obbligo (ma non per tutti)

La nuova legge prevede che tutti i termosifoni debbano essere muniti di una valvola che ne consente la regolazione in maniera autonoma. Questa norma non è però per tutti, ma è riservata gli impianti di riscaldamento centralizzati, come quelli presenti nei condomini. Per applicare in maniera corretta al norma, ogni appartamento deve essere dotato di questo tipo di dispositivo, che consentirà di ridurre le emissioni di calore non necessario, e di conseguenza le emissioni di CO2 nell'atmosfera. Se il minor impatto ambientale del riscaldamento domestico è la nota positiva del provvedimento, per alcune persone un aspetto negativo è rappresentato dai costi da sostenere per l'adeguamento degli impianti, che dovranno essere a carico dei singoli proprietari degli appartamenti. Tuttavia l'acquisto delle valvole in questione non dovrebbe rappresentare una spesa ingente. Una precisazione: la norma non si applica agli impianti autonomi, anche se siti in unità condominiali.

Caldaie: ok solo le pompe di calore e la condensazione

Un altro importante aspetto della stessa norma è quello che regola l'utilizzo delle caldaie per il riscaldamento domestico. Infatti la norma europea ha di fatto reso obsolete tutte le caldaie con un sistema diverso dalla pompa di calore o dalla condensazione, ritenute più vantaggiose dal punto di vista del risparmio energetico. La minore quantità di energia utilizzata per il funzionamento di questi sistemi dovrebbe quindi tradursi in un risparmio anche per le bollette dei consumatori.

Chi ha un tipo di caldaia diversa già installata non dovrà però preoccuparsi, perché le caldaie in uso potranno continuare ad essere utilizzate, fino alla sostituzione delle stesse. Anche i rivenditori però non dovranno rottamare tutte le caldaie diventate obsolete. Infatti la legge prevede che siano autorizzati a tenere in magazzino le caldaie di tipologia diversa dal quelle a condensazione ed a pompa di calore, fino ad esaurimento delle stesse. 

Al momento non è dato sapere come i produttori si orienteranno per la produzione dei pezzi di ricambio dei modelli divenuti non più a norma di legge, un aspetto al momento trascurabile in quanto la reperibilità dei ricambi dovrebbe essere assicurata ancora a lungo.


vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Condominio: non basta la ricevuta dei pagamenti

del 21/09/2010

La ricevuta di pagamento emessa dall'amministratore al condomino rappresenta la prova della ricezion...

Telecamere vietate in condominio

del 29/12/2010

Vietata la videosorveglianza condominiale per la tutela dell'incolumità delle persone e delle cose d...

Il 31 in condominio si fa festa senza liti

del 31/12/2010

A Capodanno si festeggia senza liti tra condomini. Dal Coram (Coordinamento dei Registri degli ammin...