Consulenza o Preventivo Gratuito

Rimborso del canone RAI: risponde l'Agenzia delle Entrate

del 30/08/2016

Rimborso del canone RAI: risponde l'Agenzia delle Entrate

Il pagamento del canone RAI in bolletta è ormai diventato una realtà per moltissimi italiani. In seguito alle numerose richieste di chiarimento per gli addebiti non dovuti, l'Agenzia delle Entrate ha deciso di rispondere ai dubbi più comuni posti dai cittadini. Ecco quindi cosa fare in caso di addebito non dovuto, secondo le ultime direttive della stessa Agenzia.

Canone RAI non dovuto: come si presenta la richiesta di rimborso

La richiesta di rimborso per il canone RAI pagato erroneamente deve essere effettuata utilizzando il modello scaricabile dal sito della RAI (www.canone.rai.it) o da quello dell'Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it). Al momento la richiesta deve essere stampata, compilata e inviata in forma cartacea allo Sportello Abbonamenti TV, all'indirizzo indicato sui siti citati.

A partire dalla metà di settembre dovrebbe essere resa disponibile un'applicazione specifica che permetterà di inviare la richiesta direttamente all'Agenzia.

Nella compilazione del modulo di rimborso, oltre ai dati anagrafici e di riferimento della fattura nella quale è stato incluso l'addebito, va indicata anche la motivazione del rimborso, che può essere diversa rispetto ai cinque casi previsti dalla modulistica. In caso di motivazione diversa è quindi possibile indicare il codice 6 nell'apposita casella del modulo.

Un addebito per ogni famiglia

L'Agenzia delle Entrate ha precisato che il diritto al rimborso è previsto, tra gli altri casi, anche quando l'importo sia stato addebitato su due o più fatture intestate a diversi componenti dello stesso nucleo famigliare. Oltre alla motivazione (da indicare con il codice 4 nel modulo), deve essere precisato anche il codice fiscale della persona del nucleo che ha già corrisposto il canone RAI e devono inoltre essere indicati i tempi di sussistenza del legame famigliare. 

Nel caso in cui si siano verificati errori relativi al pagamento del canone relativo al 2015 o agli anni precedenti, non è possibile utilizzare il modulo citato, che deve essere utilizzato esclusivamente per il canone RAI 2016, cioè per quello addebitato in bolletta.

Per altre richieste specifiche ed ulteriori aggiornamenti, ricordiamo infine che l'Agenzia ha attivato una pagina Facebook specifica (/agenziadelleentrate), dove viene data risposta ai dubbi più comuni relativi al pagamento della tassa televisiva. Come già specificato in un approfondimento di qualche tempo fa, ricordiamo che sulla pagina non verranno date risposte a casi singoli, da inoltrare tramite i contatti classici indicati sulla pagina Facebook stessa e sul sito web.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...