Consulenza o Preventivo Gratuito

Geometri: al via la laurea triennale

del 22/08/2016

Geometri: al via la laurea triennale

Per esercitare la professione di geometra, fino ad oggi è stato sufficiente conseguire un diploma di durata quinquennale, a cui deve far seguito il conseguimento dell'esame di stato per chi vuole esercitare come professionista. A partire dall'anno in corso però il percorso di studi di un geometra potrebbe essere diverso, grazie alla nascita dei corsi di laurea triennali.

Corso di laurea triennale per geometri: un percorso facoltativo

Al momento il conseguimento del diploma di laurea triennale non è ancora necessario per esercitare la professione di geometra. Tuttavia, come richiesto da tempo da più parti, anche la professione del geometra necessiterebbe di una formazione maggiore volta a tutelarne il ruolo, spesso messo in secondo piano proprio per il titolo di studio inferiore rispetto ad un architetto o a un ingegnere.

La laurea triennale per geometri avrà durata triennale e sarà denominata "Gestione edilizia e del territorio"; questo titolo di studio sarà equivalente alle altre lauree di pari durata. Il primo anno di attuazione è previsto per il 2016/17, cioè per l'anno accademico alle porte. Al momento sono tre le regioni che hanno deciso di avviare il corso di laurea in maniera sperimentale, e cioè Emilia Romagna, Toscana e Lombardia.

Come accedere al corso di laurea per geometri

Come anticipato nel paragrafo precedente, il corso di laurea prenderà il via a breve in forma sperimentale presso tre università: Lodi, Rimini e Siena. Nonostante sia preferibile aver frequentato l'istituto superiore per geometri, l'accesso alla laurea triennale, come del resto avviene anche per le altre facoltà, è possibile per tutti i diplomati.

Il percorso di studi prevede la presenza di esami strettamente inerenti all'esercizio della futura professione, come scienze delle costruzioni, topografia, progettazione, estimo e valutazioni immobiliari, e altri corsi come analisi matematica e geometria, fisica, informatica e statistica. A seconda dell'università scelta sono inoltre presenti laboratori specifici, mentre in generale è previsto un tirocinio formativo di durata variabile al terzo anno di corso, che prevede esperienze professionali e di cantiere.

Gli sbocchi lavorativi per un geometra laureato sono molteplici: si spazia infatti dal recupero e dalla riqualificazione degli edifici, alla valutazione dei beni immobili, passando per settori come gli interventi a tutela dell'ambiente e la valutazione e messa in sicurezza di ambienti pubblici e privati.

Per tutte le informazioni relative a questo tipo di corso di laurea è possibile rivolgersi alle università citate in precedenza.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
La PNL nel mondo del lavoro

Rag. Francesca Seniga del 07/03/2012

Tutti i maggiori enti nazionali e internazionali pongono l’accento sulla necessità di formarsi e fo...

La legge sulle liberalizzazioni: le principali novità

Dott. Claudio Griziotti del 11/04/2012

Sulla Gazzetta Ufficiale del 24 marzo scorso è stata pubblicata la legge n. 27 relativa alla convers...

Life coaching e rapporto tra coach e cliente

Rag. Francesca Seniga del 30/11/2012

Il coaching professionale è un rapporto di partnership che si stabilisce tra coach e cliente con lo...