Consulenza o Preventivo Gratuito

Lavoro: al via il sostegno all'inclusione attiva

del 02/08/2016

Lavoro: al via il sostegno all'inclusione attiva

Con la circolare n° 133 l'INPS ha diffuso le modalità di attivazione del progetto SIA (sostegno all'inclusione attiva). Scopriamo le caratteristiche di questa misura di contrasto alla povertà e chi sono gli aventi diritto.

SIA per le famiglie in condizioni disagiate

Il sostegno per l'inclusione attiva è una misura di contrasto alla povertà per le famiglie nelle quali sono presenti minori, disabili o donne in stato di gravidanza. Non si tratta di una novità assoluta, in quanto nelle sue linee guida era già stato presentato in precedenza; tuttavia il piano ha preso ora il via definitivo, con il dettaglio degli aventi diritto e le modalità di intervento. Come già comunicato in precedenza, coloro che hanno diritto ad accedere al sostegno possono farne richiesta al comune di residenza che trasmetterà i dati ricevuti all'INPS per le verifiche del caso. È bene ricordare che la misura non prevede solo l'erogazione di un sostegno economico, ma la realizzazione di un progetto atto a coinvolgere tutti gli appartenenti del nucleo famigliare, con la creazione di un percorso lavorativo e di studio personalizzato.

Chi ha diritto alla SIA

I requisiti per la presentazione della domanda di sostegno al reddito sono i seguenti:

  • essere cittadini italiani o titolari di un permesso di soggiorno di lungo periodo
  • risiedere in Italia da almeno due anni, al momento di presentazione della domanda
  • non essere possessori di un veicolo immatricolato nei 12 mesi precedenti
  • non possedere un veicolo o un motoveicolo con cilindrata superiore rispettivamente ai 1.300 cc e 250 cc immatricolati nei tre anni precedenti alla richiesta

Inoltre nel nucleo famigliare devono essere presenti una donna in stato accertato di gravidanza o un minore o un disabile.

A quanto ammonta il sostegno al reddito SIA

Il sostegno diretto al reddito avviene tramite il riconoscimento di una cifra mensile, che varia a seconda del numero dei componenti del nucleo famigliare, ed è pari ad 80 euro per ogni componente, fino alla cifra massima di 400 euro riconosciuta per 5 o più appartenenti al nucleo.

I fondi disponibili complessivamente ammontano a 750 milioni di euro, suddivisi su base regionale in base ad alcune variabili che tengono conto della popolazione complessiva e della presenza di redditi bassi. Secondo quanto comunicato dall'INPS, sono la Campania e la Sicilia le regioni destinatarie degli importi maggiori, con circa 112 milioni di euro per ogni regione, seguite dalla Lombardia con circa 90,5 milioni di euro.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Diritto del padre al congedo

Rag. Maurizio Cason Villa del 22/02/2012

Con una sentenza dello scorso 9 febbraio 2012 viene riconosciuto al padre il diritto di usufruire d...

Vendita del bene in comunione e risarcimento

Avv. Campi ed Avv. Ghigna del 23/01/2013

Nel caso in esame la moglie aveva richiesto il risarcimento del danno al marito che aveva venduto...