Consulenza o Preventivo Gratuito

Tutela del vostro credito.

del 15/06/2016

Contatta | Avvocato Mariarosa Signorini
via Saragozza 40123 Bologna (BO)

Qualcuno vi deve dei soldi e volete il vostro credito venga onorato? Ecco, in linguaggio semplice, un tutorial che vi spiega le procedure per tutelare il credito i vostri diritti.

  1. Innanzittutto conferite mandato a un bravo ed onesto avvocato, i diritti vengono tutelati meglio da chi riesce ad addentrarsi negli “infiniti meandri” del diritto e delle procedure ad esso connesse.

  2. Se il vostro credito è ricompreso tra € 1.100,00 ed € 50.000,00 sarà necessario ricorrere alla negoziazione assistita obbligatoria prima del giudizio. Se, invece, il credito è di importo inferiore non tenete conto di questo paragrafo e passate direttamente al paragrafo successivo.

  3. Se il credito è certo, liquido ed esigibile (certo= il credito è certo quando non è controverso nella sua esistenza; liquido=il credito è determinato nel suo ammontare o facilmente determinabile ed espresso in un numerario (danaro) e sono ammessi solo i calcoli matematici per il suo esatto ammontare; esigibile=il termine è scaduto) si potrà richiedere ed ottenere dal giudice un decreto ingiuntivo. Il decreto ingiuntivo è un provvedimento giudiziario che, una volta divenuto definitivo, potrà essere azionato nei confronti del debitore.

  4. Se la somma di cui siete creditori non ha i requisiti di cui al paragrafo precedente, sarà necessario radicare un normale procedimento di cognizione (volgarmente una causa) che terminerà, con i tempi propri dei procedimenti civili, con l'emanazione di una sentenza. Ciò che contraddistingue il decreto ingiuntivo dalla sentenza è proprio la tempistica, di molto inferiore.

  5. Con il titolo esecutivo nelle vostre mani (decreto ingiuntivo o sentenza) potrete così iniziare, qualora il vostro debitore non abbia ancora pagato (cosa spiacevolissima, ma purtroppo frequente) l'espropriazione forzata nei suoi confronti. L'espropriazione forzata è ciò che comunemente viene chiamato pignoramento, che ha luogo, in varie forme, in danno del patrimonio del vostro debitore. Le varie forme sono: beni mobili (arredamenti, pc, veicoli etc.), somme di danaro di cui il vostro debitore sia a sua volta creditore (ad es. stipendi, pensioni etc.) e immobili.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Assegno bancario: cancellazione dal registro protesti

Avvocato Alice Cossu del 08/10/2012

La disciplina della legge 12 febbraio 1955, n. 77, mentre prevede che il debitore contro cui s...

Che cosa deve indicare la fattura dal gennaio 2013

Dott. Manuela Giacometti, Studio Sac del 20/02/2013

Con riferimento al contenuto della fattura è stato previsto che la fattura debba indicare: un nume...

Donazioni, Italia generosa anche in tempi di crisi

la Redazione del 09/10/2013

Singolare il tema d’indagine, singolari i suoi risultati. Lo studio statistico è firmato da IPR...