Consulenza o Preventivo Gratuito

Architetto e interior designer: quale differenza?

del 09/06/2016

Architetto e interior designer: quale differenza?

È meglio affidare il progetto degli interni di una casa, di uno studio o di un negozio ad un architetto o invece è consigliato chiedere l'intervento di un interior designer? Chiariamo questo dubbio scoprendo le differenze e i campi di azione di queste due professionalità.

Cosa fa un architetto

Un architetto, secondo la definizione da dizionario, è una figura professionale il cui ambito di intervento è la progettazione urbanistica, architettonica ed edilizia in genere. Scopo dell'intervento professionale di un architetto è quello di trasformare, progettare o adattare un ambiente costruito, per renderlo adatto allo scopo prefissato. Oltre ai generici campi di intervento citati in precedenza, la figura professionale di un architetto è utilizzata spesso anche in ambiti molto specifici, come la progettazione del paesaggio o di un restauro. Secondo l'ordinamento italiano la qualifica professionale di un architetto è riconosciuta e regolata dalla legge; per questo motivo per qualificarsi come architetto è necessario aver seguito l'iter di studi prefissato, che prevede una laurea in architettura e la successiva abilitazione alla professione, senza la quale non è possibile esercitare.

Di cosa si occupa un interior designer

La professione dell'interior designer è emersa con sempre maggiore frequenza negli ultimi anni anche in Italia, mentre in altri stati questa è riconosciuta, diffusa e praticata da maggior tempo. Il compito principale dell'interior designer è quello di occuparsi, letteralmente, del design degli interni, cioè di tutto ciò che riguarda l'arredamento, la decorazione, l'illuminazione e in termini più generici, l'allestimento di un ambiente interno, sia per uso abitativo sia professionale.

Date le due definizioni precedenti, non è quindi complesso capire la differenza di campo di intervento tra le due professioni. Di solito l'intervento dell'architetto avviene precedentemente e a quello dell'interior designer, anche se non è raro che questi due professionisti lavorino in contemporanea. In Italia non è però raro il caso in cui le due professionalità si sovrappongano nei ruoli; in linea di massima è bene precisare che se un architetto professionista può occuparsi anche di interior design, non è possibile il contrario, in quanto per esercitare la professione di architetto è necessario il conseguimento del titolo legale.

Diverso è invece il caso dell'interior designer, che non necessita di un'abilitazione specifica o di titoli di studio per l'esercizio della professione. Tuttavia la sempre maggiore attenzione a questo tipo di ambito professionale ha fatto sì che nascessero specifici corsi di laurea, presenti in diverse università italiane.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Tettoia-veranda in zona paesaggistica

del 10/09/2010

Da una sentenza della Cassazione si compie reato se si realizza senza permesso una tettoia-veranda...

Ecocasa e i materiali bioedili

Architetto Fausto Redondo del 12/09/2012

I termini EcoEdilizia,  BioEdilizia,  Edilizia BioEcologica, EcoBioedilizia o Edilizia Ecosostenibil...

Intervista a Buzzetti (ANCE) sul futuro dell'Edilizia

Paolo Buzzetti, Pres. ANCE del 04/12/2012

 “Non si può parlare di un problema di domanda nel nostro Paese, anzi. Il bisogno di casa c’è ed...