Consulenza o Preventivo Gratuito

Bonus e sconti fiscali: quali novità

del 31/05/2016

Bonus e sconti fiscali: quali novità

Quali sono le ultime novità 2016 in merito a sconti fiscali e bonus? Scopriamolo in questa guida dedicata a casa, IRPEF, risparmio e donazioni.

Bonus fiscali casa 2016

Per quanto riguarda abitazioni ed edifici, la novità più importante riguarda la possibilità di continuare ad usufruire dei bonus casa già previsti in parte per l'anno precedente. Significativa è la possibilità di dedurre fino al 50% delle spese di ristrutturazione, a patto che esse non superino i 96.000 euro. Un'importante novità riguarda invece i box auto: dal 2016 è infatti possibili dedurre anche le spese sostenute per queste strutture, anche se di nuova costruzione e non di pertinenza dell'abitazione. La detrazione massima è anche in questo caso pari al 50% del prezzo di costruzione, cifra inferiore quindi a quanto sostenuto per l'acquisto del box. 

Detrazioni IRPEF 2016: le novità

Oltre a quanto detto nel paragrafo precedente, per quanto concerne le detrazioni IRPEF il 2016 ha introdotto alcune novità e cambiamenti. Tra le voci di spesa meno note ma detraibili ai fini IRPEF figurano le spese sostenute per le intermediazioni immobiliari, che possono essere portate in detrazione per una spesa massima di 1.000 euro. Oltre alle spese mediche, è bene ricordare che per il 2016 possono essere detratte anche le spese sostenute per gli animali domestici, che ottengono una detrazione del 19%, al pari di quanto avviene per le spese mediche umane. Confermata anche per il 2016 la cancellazione della detraibilità delle spese sostenute per le attività sportive di tipo non professionistico; anche per l'anno incorso non sarà quindi possibile detrarre le spese per le attività sportive destinate ai ragazzi, anche se di età inferiore ai 18 anni.  

Risparmio e donazioni

Passando al capitolo donazioni, l'aliquota applicata per il 2016 è pari al 4% per le cifre superiori al milione di euro. Nel caso in cui la donazione riguardi però la prima casa, la tassazione è pari all'imposta catastale e di trascrizione della donazione, di 168 euro l'una. Nel caso in cui la donazione riguardi immobili diversi, le due imposte vengono calcolate in percentuale al valore dell'immobile, con aliquote rispettivamente dell'1% e 2%.

Le detrazioni e i bonus sul risparmio infine non hanno visto significative novità per l'anno in corso. Ricordiamo però una possibilità che si traduce in un risparmio dal punto di vista fiscale per il cittadino, cioè la detraibilità dei mutui, incluse le spese notarili sostenute per l'acquisto delle abitazioni. 

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...