Consulenza o Preventivo Gratuito

Leggi: il danno da lucro cessante

del 18/04/2016

Leggi: il danno da lucro cessante

Trattiamo oggi una tematica legislativa relativa ai danni patrimoniali, il danno da lucro cessante. Scopriamo cosa si intende con questa definizione e il caso dell'applicazione agli incidenti stradali.

Il danno da lucro cessante: definizione e un esempio

Si parla di lucro cessante (lucrum cessans in latino) quando un soggetto subisce un danno che gli impedisce di guadagnare un utile sulla propria attività economica. Nel riconoscimento di danno cessante si presuppone quindi che il danno subito danneggi in qualche modo la possibilità del danneggiato di esercitare un'attività, compiere un atto di produzione o di qualsiasi tipologia dalla quale avrebbe ricavato un vantaggio.

Il danno da lucro cessante si differenzia quindi rispetto al danno emergente, cioè da un danno che inficia direttamente il patrimonio del danneggiato. Ne consegue che il lucro cessante avrà una natura ipotetica, in quanto è possibile calcolare solo in parte un evento che non si è verificato (cioè il guadagno).

Questo principio permette di comprendere uno dei punti più complessi del calcolo del danno da lucro cessante. Infatti per stimare il danno subito è necessario ipotizzare tutte le azioni e le attività che il danneggiato avrebbe compiuto se il danno non si fosse verificato. Si capisce come il calcolo sia piuttosto soggettivo e dia adito a discussioni che soprattutto in fase di risarcimento danni possono sfociare in procedure complesse e dibattute.

Facciamo un esempio per rendere più semplice il concetto di danno da lucro cessante anche a chi non è addetto ai lavori. Supponiamo che a seguito di un'aggressione, un artigiano subisca una ferita temporanea alle mani che gli impedisce di svolgere il proprio lavoro. Oltre al danno fisico visibile, è possibile parlare di danno da lucro cessante, che nell'esempio corrisponderà alla mancata possibilità di svolgere il proprio lavoro. In questo caso per quantificare il danno, si potrebbe moltiplicare il numero di giorni di inattività forzata per il guadagno medio giornaliero dell'artigiano.

Il caso degli incidenti stradali

Non è raro sentir parlare di danno da lucro cessante quando si verifica un incidente stradale con feriti. Nella sentenza della Corte di Cassazione n°20003 del 2014 ad esempio, la Corte ha stabilito che si possa parlare di danno da lucro cessante anche in caso di ferite conseguenti ad un incidente stradale. Nel caso specifico la Corte ha affermato che il danno possa essere riconosciuto a patto che vengano presentati documenti che attestano l'effettiva riduzione del guadagno, anche futuro. Nello specifico la Corte ha affermato che il danno è riconoscibile anche in assenza di danni permanenti che compromettano la riduzione della capacità lavorativa del danneggiato.  

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il recesso del socio

Rag. Lisa Di Sacco del 18/01/2012

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo l...

Il Lean Thinking

Rag. Francesca Seniga del 31/01/2012

Nasce il Lean Thinking, un nuovo modo di pensare, che si sostanzia in una riorganizzazione dell’impr...

Appropriazione indebita e infedeltà patrimoniale

Avv. Barbara Sartirana del 13/02/2012

La sentenza della Cassazione Penale n. 4244 depositata in Cancelleria il 1° Febbraio 2012, con rif...