Consulenza o Preventivo Gratuito

Come si calcola l’assegno di mantenimento?

del 05/04/2016

Come si calcola l’assegno di mantenimento?

Come previsto dall’art 156 del codice civile, il giudice stabilisce il diritto di ricevere dall’altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora non abbia adeguati redditi propri. L’entità di tale somministrazione è determinata in relazione alle circostanze e ai redditi dell’obbligato.

Il dettato della norma è sufficiente a far comprendere che non esistono delle tabelle di calcolo e che, dunque, la situazione viene valutata caso per caso: diventa fondamentale la comparazione dei redditi.

In molti Tribunali, per dare dei percorsi certi, sono stati introdotti i protocolli concordati con gli Ordini degli Avvocati. In sostanza: i coniugi sono invitati a produrre una serie di documenti sulla base di un modello predisposto che diventa oggetto del decreto di fissazione dell’udienza davanti al Presidente del Tribunale, quella ove vengono assunti i primi provvedimenti provvisori ed urgenti.

Attraverso la documentazione che viene depositata prima dell’udienza, il magistrato può farsi un’idea più precisa di quella fornita dalle semplici dichiarazioni dei redditi circa la condizione patrimoniale di moglie e marito. Ad esempio: il protocollo del Tribunale di Perugia ha previsto il deposito della documentazione necessaria per desumere queste informazioni:

- Attività lavorativa dipendente o autonoma ed eventuali benefit aggiuntivi.
- Redditi netti annui percepiti negli ultimi tre anni.
- Eventuali partecipazioni societarie.
- Pensioni percepite a ogni titolo.
- Elenco dei beni immobili posseduti in proprietà o comproprietà.
- Elenco dei beni mobili registrarti: auto, imbarcazioni.
- Numero dei collaboratori domestici con la retribuzione.
- Esistenza di mutui o finanziamenti, specificando importo, rata e cadenza.
- Esistenza di contratti di locazione.
- iscrizione a circoli sportivi o ricreativi.

Questa impostazione la si deve al Presidente della I sezione del Tribunale di Roma che per primo emise il decreto di fissazione dell’udienza chiedendo alle parti di produrre la suddetta documentazione. È bene evidente che con questo sistema si cerca di responsabilizzare le parti e di “mettere in tavola” le carte fin da subito, limitando i successivi defaticanti strumenti legati alla richiesta di indagini tributarie.

La presentazione di un quadro completo è importante ai fini della decisione del magistrato, sia in sede di provvedimenti urgenti che in sede di sentenza. Infatti, il giudice non può limitarsi a considerare solo il reddito emergente dalla documentazione fiscale prodotta, ma deve tenere conto anche di altri elementi di natura economica.

Altro aspetto rilevante per la determinazione dell’assegno di mantenimento in favore della moglie è quello del tenore di vita:
“L'assegno per il coniuge deve tendere al mantenimento deltenore di vita da questo goduto durante la convivenza matrimoniale, e tuttavia indice di tale tenore di vita può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi. Va valutato anche il contributo della moglie alla conduzione della vita familiare, incidente positivamente sull'attività professionale del marito e sul miglioramento della sua posizione lavorativa, direttamente correlata alla situazione esistente durante la convivenza matrimoniale.”(Cit. da Cass. Civ. VI sez. Ordinanza 20.6.2014 n.14128).

In altri termini: la giurisprudenza rapporta il giudizio di adeguatezza dei mezzi a disposizione del coniuge richiedente al tenore di vita offerto dalle potenzialità economiche dei coniugi durante il matrimonio.

È di chiara evidenza che anche questo aspetto è talmente subordinato alle valutazioni caso per caso che è impossibile ridurre ad una tabellina il calcolo dell’assegno di mantenimento. È quindi importante preparare nel modo migliore la documentazione in sede di udienza presidenziale. 

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Assegnazione della casa in caso di divorzio

del 02/08/2010

Ben prima della promulgazione dell’ultima e più importante riforma del diritto di famiglia (Legge 5...

Promessa del coniuge e assegno divorzile

del 08/11/2010

La promessa unilaterale scritta con cui il coniuge che deve versare l’assegno all’ex si impegna a no...

Mantenimento: la casa coniugale corrisponde al costo locazione

del 31/12/2010

Nel calcolo per la quantificazione dell’assegno di mantenimento all’ex coniuge il valore della casa...