Consulenza o Preventivo Gratuito

F24 ed F24 EP: nuovi codici tributo

del 01/04/2016

F24 ed F24 EP: nuovi codici tributo

L’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per il versamento delle somme dovute a seguito dei controlli fiscali automatici effettuati sulle dichiarazioni dei redditi ai sensi dell’art. 36-bis del D.P.R. n. 600/1973.

I nuovi codici tributo per l’autoliquidazione di una sola quota dell’importo totale richiesto a seguito dei controlli fiscali automatici sono:

·  “997b” – art. 36-bis d.p.r. 600/73. Recupero da parte dei sostituti di imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66. Imposta 1655 – 165e;

·  “998b” – art. 36-bis d.p.r. 600/73. Recupero da parte dei sostituti di imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66. Interessi;

·  “999b” – art. 36-bis d.p.r. 600/73. Recupero da parte dei sostituti di imposta delle somme erogate ai sensi dell’articolo 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66. Sanzioni;

Nel modello F24 tali codici sono da inserire nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando anche il codice atto e l’anno di riferimento, nel formato “AAAA”, reperibili all’interno della stessa comunicazione.

Nel modello F24 EP:

·  I codici tributo vanno inseriti in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”;

·  Il campo “sezione” va valorizzato con “Erario” (valore F);

·  Il campo “codice atto” e il campo “riferimento B” vanno valorizzati con il codice atto e l’anno di riferimento, nel formato “AAAA”, reperibili all’interno della stessa comunicazione.

I codici tributo rinominati sono:

·  “962A” denominato “art. 36-bis d.p.r. 600/73. Imposta sostitutiva sui redditi diversi di cui all’art. 67, c. 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), del d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR) – opzione affrancamento – art. 3, commi 15 e 16, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 – regime amministrato – imposta”;

·  “963A” denominato “art. 36-bis d.p.r. 600/73. Imposta sostitutiva sui redditi diversi di cui all’art. 67, c. 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), del d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR) – opzione affrancamento – art. 3, commi 15 e 16, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 – regime amministrato – interessi”;

·  “964A” denominato “art. 36-bis d.p.r. 600/73. Imposta sostitutiva sui redditi diversi di cui all’art. 67, c. 1, lett. da c-bis) a c-quinquies), del d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917 (tuir) – opzione affrancamento – art. 3, commi 15 e 16, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 – regime amministrato – sanzioni”.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
La beffa degli 80 euro

Fabio Ferrara, commercialista del 02/07/2015

Nel modello di dichiarazione dei redditi riguardante il periodo d’imposta 2014, è stato introdotto...

Deduzioni Iva per omaggi natalizi

del 10/12/2010

All’approssimarsi delle festività natalizie è consuetudine che le imprese, grandi e piccole, porgano...

Le novità del Modello Unico 2011

del 30/12/2010

Cambia sia nella grafica sia nei contenuti il modello Unico per il 2011. Tra le novità la cedolare s...