Consulenza o Preventivo Gratuito

NASpI: come funziona l'indennità di disoccupazione 2016

del 10/03/2016

NASpI: come funziona l'indennità di disoccupazione 2016

Si chiama NASpI l'indennità di disoccupazione e di mobilità al quale è possibile accedere anche nel 2016. L'indennità, creata nel 2015 in sostituzione dell'Assicurazione Sociale per l'Impiego, è stata infatti prorogata anche per l'anno in corso. Scopriamo chi può accedere e quali sono le modalità per la richiesta per il 2016.

NASpI: i destinatari

La nuova indennità di disoccupazione è destinata a tutti i lavoratori in stato di disoccupazione e la cui interruzione del rapporto di lavoro non sia stata volontaria. Sono esclusi unicamente i lavoratori della pubblica amministrazione assunti con contratto a tempo indeterminato, gli operatori agricoli e i lavoratori stagionali extracomunitari. Questi ultimi possono però accedere ad una forma di sussidio riservata, a patto che siano in regola con il permesso di soggiorno.

Nel dettaglio la NASpI può essere richiesta da coloro che presentano un requisito contributivo pari per il 2016 ad almeno tredici settimane di lavoro nei quattro anni che precedono la domanda (quindi dal 2012 al 2015 per l'anno in corso). Oltre al requisito di tipo contributivo, è richiesto un requisito lavorativo. Infatti per accedere a questo tipo di contributo è necessario che il lavoratore abbia effettuato almeno trenta giorni di lavoro effettivo nel corso dell'anno precedente al periodo di disoccupazione. Al fine del calcolo dei trenta giorni possono essere considerati anche le occupazioni part-time, in quanto non conta il numero di ore effettivamente svolte.

Come effettuare la domanda per l'indennità NASpI 2016

Per richiedere di accedere ai fondi NASpI è necessario inoltrare domanda all'INPS per via telematica. È possibile presentare la domanda autonomamente accedendo al sito dell'ente con il PIN rilasciato dall'INPS stesso. In alternativa è possibile presentare la domanda recandosi presso un patronato o telefonando al numero 803164 (contact center integrato INPS e INAIL). 

La domanda deve essere effettuata obbligatoriamente entro 68 giorni dalla data di cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro.

Per quanto riguarda la durata dal sussidio, esso viene corrisposto per un periodo pari al 50% del tempo nel quale si è stati occupati negli ultimi quattro anni, quindi per un massimo di due anni nel caso di piena occupazione nel quadriennio precedente. L'importo per l'indennità 2016 viene calcolato secondo due possibilità: 

·  È pari al 75% della retribuzione media mensile degli ultimi quattro anni, se questa è pari o inferiore a 1.195,00 euro.
·  È pari al 75% dell'importo stabilito sommato al 25% della differenza tra la retribuzione media mensile e l'importo di 1.195,00, se la retribuzione media mensile è superiore a questa cifra.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Ok al licenziamento del cassiere che accetta metodi di pagamento non consentiti

del 27/12/2010

Per la sezione lavoro della Corte di Cassazione (sentenza n. 26108/2010) è legittimo il licenziament...

Retribuzioni risarcite se il licenziamento è orale

del 10/01/2011

Il lavoratore licenziato solo verbalmente può far valere la nullità del licenziamento che non interr...

Licenziamento: legittimo intimarlo se per causa diversa dal primo, giudicato illegittimo

del 25/01/2011

Lo Statuto dei lavoratori prevede per le aziende che impiegano più di 15 dipendenti "la tutela reale...