Consulenza o Preventivo Gratuito

Pensioni: novità opzione donna

del 29/02/2016

Pensioni: novità opzione donna

Dopo la sospensione effettuata alla fine del 2014, l'INPS ha comunicato in via ufficiale che le richieste di pensionamento effettuate con i requisiti della cosiddetta "opzione donna" verranno prese di nuovo in considerazione. Scopriamo quali sono le donne interessate dalla misura e i requisiti per l'accesso al pensionamento anticipato.

I requisiti per accedere all'opzione donna 2016

L'acceso all'opzione donna per il pensionamento è una possibilità riservata alle lavoratrici che hanno maturato almeno 35 anni di contributi a tutto il 2015. Inoltre per soddisfare i requisiti di questa procedura è obbligatorio anche il soddisfacimento di requisiti anagrafici, che per le lavoratrici dipendenti corrispondono a 57 anni e tre mesi. Un anno anagrafico in più è invece richiesto per le lavoratrici autonome. I requisiti citati in precedenza devono essere stati maturati al 31 dicembre 2015 per poter rientrare nelle domande in lavorazione nel 2016 da parte dell'INPS. Le donne interessate sono quindi quelle nate fino al 1958; in particolare per le lavoratrici dipendenti pubbliche e private l'ultima data di nascita utile è il 30 settembre 1958, mentre per le lavoratrici autonome l'ultima data di nascita accettata è il 30 settembre 1957.

Come funziona l'opzione donna 2016?

Le donne che hanno deciso di inoltrare domanda per l'opzione donna, accettano di aderire a un sistema pensionistico sperimentale che innanzitutto considera il calcolo dell'assegno pensionistico tramite il metodo contributivo. Se per molte lavoratrici la pura definizione significa poco, più semplice invece è comprendere gli effetti della scelta dell'opzione donna sull'ammontare dell'assegno stesso. Infatti la scelta di questa opzione porta a una riduzione dell'assegno pensionistico, con percentuali che secondo le stime effettuate sarebbero pari a circa il 36% per le lavoratrici autonome e al 27,5% per le dipendenti private o pubbliche. Si tenga presente che il dato rappresenta comunque una media, in quanto il valore effettivo dell'assegno dipende da diversi fattori, come la storia lavorativa, l'età anagrafica, la retribuzione e l'anzianità contributiva. 

Tuttavia la scelta dell'opzione donna si rivela vantaggiosa per la possibilità di ottenere la pensione con un periodo molto anticipato rispetto al sistema misto in vigore; secondo alcuni calcoli infatti, in media le lavoratrici andranno in pensione 4 anni prima rispetto a chi decide di non usufruire dell'opzione donna.

Precisiamo infine che la maturazione dei requisiti per l'accesso e l'inoltro della domanda non corrisponde ad un'emissione della pensione immediata. Infatti all'opzione donna vengono applicate le cosiddette finestre, pari a un anno per le lavoratrici dipendenti e a 18 mesi per le autonome.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...