Consulenza o Preventivo Gratuito

Notifica degli avvisi di accertamento: termini raddoppiati

del 09/02/2016

Il recente D. Lgs n.128/2015 ha raddoppiato i termini per la notifica degli avvisi di accertamento. Giova ricordare che il termine ordinario era fissato al 31.12 del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, diventava il quinto anno nel caso in cui la dichiarazione relativa all’anno d’imposta in oggetto dell’accertamento non fosse stata trasmessa o fosse considerata nulla.

Il decreto di cui sopra ha portato i limiti rispettivamente a otto e dieci anni. Tale dilatazione temporale è prevista solo nel caso in cui si rilevassero presunti reati tributari tali da comportare la denuncia alla Procura della Repubblica da parte dell’amministrazione finanziaria o da parte della Guardia di Finanza. Il raddoppio dei citati termini di accertamento non opera nel caso in cui la denuncia venga inoltrata oltre i termini ordinari, quindi il 31.12 del quarto anno successivo all’anno oggetto di verifica. Non rientrano nella nuova disciplina i processi verbali di constatazione e gli inviti al contradditorio. È bene precisare che, se l’organo ispettivo non ha concluso le indagini entro i termini ordinari, viene preclusa la possibilità di completarle anche in caso di fatti penalmente rilevanti.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pagare gli arretrati di mantenimento evita il carcere

del 23/11/2010

Un padre divorziato colpevole del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare può evi...

Il recesso del socio

Rag. Lisa Di Sacco del 18/01/2012

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo l...

Il Lean Thinking

Rag. Francesca Seniga del 31/01/2012

Nasce il Lean Thinking, un nuovo modo di pensare, che si sostanzia in una riorganizzazione dell’impr...