Consulenza o Preventivo Gratuito

Il reato di bancarotta fraudolenta: cinque risposte alle domande più comuni

del 29/12/2015

Il reato di bancarotta fraudolenta: cinque risposte alle domande più comuni

Rispondiamo a cinque dei quesiti più comuni che vengono posti in merito alla bancarotta fraudolenta.

Cosa si intende per bancarotta fraudolenta?

Per bancarotta fraudolenta, secondo la legislazione italiana, si intende un tipo di bancarotta connesso al fallimento, che avviene volontariamente tramite una frode compiuta da colui che subisce la bancarotta, per rendere più grave la situazione dell'insolvenza, causando quindi un danno ulteriore ai creditori. La bancarotta fraudolenta si distingue rispetto alla semplice bancarotta, perché in quest'ultima non è presente l'aspetto di volontarietà della bancarotta stessa; essa viene causata quindi dalle motivazioni più diverse, come ad esempio una cattiva gestione imprenditoriale di un'attività.

Quando si può parlare di bancarotta fraudolenta?

Il reato di bancarotta fraudolenta viene contestato in tre diversi casi. Il primo caso di bancarotta fraudolenta si ha quando l'imprenditore distrae, dissimula o distrugge il patrimonio o parte di esso prima o durante la procedura fallimentare, sempre con lo scopo di causare un danno ai creditori. La bancarotta fraudolenta può essere contestata anche nel caso in cui l'imprenditore abbia modificato, distrutto o falsificato lescritture contabiliobbligatorie per legge, sempre con lo scopo di arrecare un danno ai creditori o anche nel caso in cui l'azione sia stata generata dalla volontà di trarre un profitto personale. L'ultimo caso nel quale è possibile parlare di bancarotta fraudolenta riguarda il periodo della procedura fallimentare (o precedente); in questo caso si contesta la bancarotta quando l'imprenditore, tramite l'esecuzione di pagamenti, intende favorire alcuni creditori o danneggiarne altri, volontariamente.

Quali sono le pene previste in caso di bancarotta fraudolenta?

La bancarotta fraudolenta è un reato grave per l'ordinamento italiano. La pena varia a seconda della tipologia del caso, con una durata prevista da un anno a dieci di reclusione. A seconda delle decisioni del tribunale, possono essere applicatemisure cautelari, mentre l'arresto è facoltativo anche in caso di flagranza di reato. In alcuni casi è possibile l'applicazione di pene accessorie, come il divieto di esercizio di un'impresa imprenditoriale per un periodo fino a dieci anni.

Cosa si intende per bancarotta documentale?

La bancarotta fraudolenta di tipo documentale è un particolare tipo di bancarotta fraudolenta che viene contestata nel caso in cui l'imprenditore abbia manomesso, distrutto o sottratto le scritture contabili relative all'azienda. In questo modo per il curatore fallimentare diventa complesso, quando non impossibile, verificare la corretta gestione aziendale, e individuare quindi un eventuale dolo nella bancarotta stessa.

Da cosa deriva il termine bancarotta?

L'origine del termine non è certa, ma secondo alcune fonti il termine bancarotta deriverebbe dalla consuetudine medioevale di rompere la il tavolo e la cassa dei banchieri insolventi.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
La banca è responsabile se non informa sui rischi dell'investimento

Avv. Silvia Savigni del 10/05/2012

Una recente sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n. 6142 del 19/04/2012) conferma la respons...

Nasce il conto corrente di base

Dott. Claudio Griziotti del 30/04/2012

Il conto corrente previsto dal decreto “Salva Italia” è stato presentato il 24 aprile scorso dopo la...

Anatocismo: stop alla norma "salva banche"

Avv. Fabio Benatti del 10/04/2012

La Corte Costituzionale con sentenza n. 78 del 5 aprile 2012 ha dichiarato l’illegittimità costituzi...