Consulenza o Preventivo Gratuito

Una stretta contro il lavoro nero

del 25/11/2015

Contatta | Studio Signaroldi Dott.ssa Giorgia
Via John Fitzgerald Kennedy 6 Fiorenzuola d'Arda 29017 Fiorenzuola d'Arda (PC)
Una stretta contro il lavoro nero

Il Decreto Legislativo n.151/2015, entrato in vigore il 24 settembre 2015, modifica le disposizioni in tema di lavoro irregolare e, dunque, lavoro nero. Sino al 23 settembre 2015, la maxi sanzione era prevista in cifra fissa da euro 1.950 ad euro 15.600 per ogni lavoratore, oltre ad una ulteriore somma variabile pari a euro 195 di maggiorazione per ogni giornata di lavoro cosiddetto nero. Se il pagamento avveniva entro 60 giorni dalla contestazione immediata o dalla notifica degli estremi della violazione, la sanzione si riduceva al doppio del minimo o a 1/3 del massimo, importo più favorevole al trasgressore.

Va peraltro evidenziato che tale disciplina continua ad applicarsi per le violazioni commesse prima del 23 settembre 2015. Il nuovo sistema sanzionatorio prevede un alleggerimento degli importi ed introduce l’ulteriore meccanismo della sanzione a scaglioni. Ebbene, le nuove misure sanzionatorie sono le seguenti:

- da 1500 a 9000 euro, in caso di impiego del lavoratore sino a 30 giorni di effettivo lavoro;
- da 3000 a 18000 euro, in caso di impiego del lavoratore da 31 a 60 giorni di effettivo lavoro;
- da 6000 a 36000 euro, in caso di impiego del lavoratore in presenza di oltre 60 giorni di effettivo lavoro.

Il presupposto applicativo della maxi sanzione va individuato nell’impiego di lavoratori subordinati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro da parte del datore di lavoro privato, con la sola esclusione del datore di lavoro domestico. Il personale ispettivo che rilevi inadempimenti dai quali derivino sanzioni amministrative provvede a diffidare il trasgressore e l'eventuale obbligato in solido alla regolarizzazione delle inosservanze comunque materialmente sanabili, entro il termine di trenta giorni dalla data di notificazione del verbale. In caso di ottemperanza alla diffida, il trasgressore o l'eventuale obbligato in solido è ammesso al pagamento di una somma pari all'importo della sanzione nella misura del minimo.

Per ottemperare alla diffida, il datore di lavoro dovrà stipulare con il lavoratore un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche eventualmente un contratto di apprendistato, anche a tempo parziale con riduzione dell'orario di lavoro non superiore al 50% dell'orario a tempo pieno, o, in alternativa, un contratto a tempo pieno e determinato di durata non inferiore a tre mesi, nonché il mantenimento in servizio degli stessi per almeno tre mesi. 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...