Consulenza o Preventivo Gratuito

IMU sui terreni: chi paga (e chi no)

del 13/11/2015

IMU sui terreni: chi paga (e chi no)

La Legge di Stabilità presentata di recente dal governo Renzi ha introdotto un'importante novità riguardo all'IMU. Un settore molto controverso per quanto riguarda il pagamento dell'imposta negli scorsi anni è stato quello relativo ai terreni destinati all'uso agricolo. Vediamo quindi cosa cambia con la nuova legge di stabilità, analizzando chi dovrà pagare (o no) l'imposta.

IMU agricola: non pagano montagna e collina

Se approvata integralmente, la norma relativa al pagamento dell'IMU sui terreni agricoli riporterà le lancette del fisco indietro di più di vent'anni, alla normativa del 1993. Secondo la distinzione vigente già nel 1993, verranno esentati dal pagamento dell'IMU i terreni che si trovano in località montane. Nel caso in cui il comune di appartenenza sia classificato come PD, cioè come parzialmente delimitato, l'esenzione dall'IMU riguarderà solo una parte del territorio comunale e quindi il pagamento dipenderà dalla precisa ubicazione del terreno agricolo.

IMU 2016: terreni in pianura e sulle isole

L'esenzione dal pagamento dell'imposta non riguarderà però solo i terreni nei comuni montani. Per il prossimo anno saranno sollevati dal pagamento anche i proprietari dei terreni situati in pianura, a patto che essi siano posseduti da agricoltori iscritti alla previdenza agricola o da imprenditori agricoli. 

L'esenzione è stata estesa per il prossimo anno anche ai terreni delle isole minori, a prescindere dalla tipologia e dall'utilizzo degli stessi. 

L'abolizione dell'IMU sui terreni di tipo agricolo ha però una conseguenza sulla considerazione degli stessi ai fini fiscali; infatti essi verranno assoggettati all'IRPEF, come avveniva già in passato. 

È ancora presto per conoscere nel dettaglio gli effetti della nuova esenzione sul territorio nazionale. Ad ogni modo, per conoscere se un terreno potrà essere esentato dal pagamento in quanto situato in zona montana, è possibile fin da ora consultare il database dei comuni italiani, accessibile dal sito dell'Istat.

Una volta scaricato l'elenco aggiornato dei comuni italiani, è possibile effettuare una ricerca tramite il nome del comune e verificare la classificazione dello stesso. Scorrendo l'intestazione della tabella, si giunge ad un campo denominato "comune montano". A seconda della lettera presente è possibile capire la classificazione del comune, tenendo presente che NM significa non montano, T totalmente montano e P parzialmente montano. 

In quest'ultimo caso è necessario rivolgersi al comune di appartenenza per comprendere se il terreno di cui si è in possesso rientri o meno nell'area considerata montana, e quindi esente.

Si tenga infine presente che ulteriori modifiche al provvedimento potrebbero essere introdotte in via di approvazione definita.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...