Consulenza o Preventivo Gratuito

Revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario

del 23/10/2015

Dal 22 ottobre entrano in vigore le norme introdotte dal Decreto Legislativo numero 156 del 2015 relativo alle misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario, in attuazione degli articoli 6, comma 6, e 10, comma 1, lettere a) e b), della legge 11 marzo 2014, numero 23.

L’interpello è un istituto messo a disposizione del contribuente che prima di mettere in atto un determinato comportamento fiscale può ricorrere a tale strumento al fine dell’ottenimento di indicazioni interpretative circa l’applicazione di una determinata norma fiscale, obiettivamente incerta da applicare a casi concreti e personali, e se non è stata ancora messa in atto un’azione di controllo nei confronti del contribuente istante.

I contribuenti possono fare ricorso a quattro principali tipi di interpello, ossia:

Ø  Interpello ordinario:

·  il contribuente richiede all’amministrazione la corretta interpretazione di una norma tributaria;

·  il contribuente che avendo individuato la fattispecie concreta (interpello considerato qualificatorio), richiede lumi sul trattamento della fattispecie stessa.

Un esempio può far riferimento all’individuazione di una spesa, tra quelle di pubblicità o rappresentanza, o l’esistenza o meno di una stabile organizzazione;

Ø  Interpello probatorio, ai fini della verifica della presenza di condizioni che potrebbero portare all’applicazione di un regime fiscale agevolato o meno:

·  Operazioni intercorse con imprese residenti o localizzate in paesi cosiddetti black list;

·  Interpelli presentati da società che presentano i requisiti per essere considerate “non operative”;

·  Interpello relativo al riconoscimento del beneficio Aiuto alla Crescita Economica (ACE: l’agevolazione introdotta dal decreto “Salva Italia” (Dl 201/2011) per rafforzare il sistema produttivo italiano puntando su una riduzione delle imposte sui redditi);

Ø  L’interpello disapplicativo rappresenta l’unica ipotesi in cui l’interpello è obbligatorio, collegato all’ipotesi del riporto delle perdite, nei casi indicati dall’articoli 84 e 172 Testo Unico delle Imposte sui Redditi, e alla deducibilità delle minusvalenze, in caso di cessioni delle partecipazioni.

Le istanze devono essere presentate in via preventiva rispetto alla data di scadenza della presentazione della dichiarazioni o ai fini dell’assolvimento di obblighi tributari. Il mancato rispetto dei termini corretti comporta la nullità dell’istanza presentata.

La riforma si basa in linea di massima sulle seguenti novità:

Ø  Generale non obbligatorietà dell’istanza, fatti salvi alcuni casi prima enunciati;

Ø  Termini tassativi di risposta differenziati:

·  90 giorni per la riposta ad interpelli ordinari;

·  120 giorni per gli interpelli probatori.

I termini possono essere allungati fino a un massimo di 60 giorni qualora l’Amministrazione Finanziaria richieda una integrazione della documentazione presentata; trascorsi tali termini, senza che venga fornita una riposta al contribuente, si determina una condizione di silenzio-assenso.

La riposta scritta e motivata vincola l’Amministrazione Finanziaria in merito alla lettura fornita circa una determinata questione, e in riferimento a quel preciso contribuente istante; in caso di silenzio assenso nei confronti del contribuente, in riferimento a una tenuta comportamentale da lui prospettata, saranno nulli gli atti di imposizione o sanzionatori difformi dalla risposta tacita o espressa, salvo l’ipotesi di una rettifica alla precedente interpretazione, che però non ha efficacia retroattiva.

È previsto il divieto di impugnabilità delle risposte alle istanze, salvo i casi di istanze di interpello disapplicativo, in questo caso si può impugnare anche l’atto impositivo. In caso di risposta fornita al contribuente, in merito a credito d’imposta, detrazioni, deduzioni, l’atto di accertamento, deve essere preceduto da una richiesta di chiarimenti da fornire entro sessanta giorni. I dati e le notizie dedotti in fase di richiesta possono essere utilizzati in fase amministrativa o contenziosa.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Contraddittorio non dovuto

del 04/01/2011

La Cassazione boccia l'obbligatorietà del contraddittorio tra fisco e contribuente nella fase ammini...

Nuova sanatoria sulle liti fiscali

Dott. Giuliano Canovi del 11/07/2011

Il Consiglio dei Ministri del 30/06/2011 ha approvato il decreto legislativo recante disposizioni ur...

Niente più certificati alla Pubblica Amministrazione

Dott. Roberto Fedegari del 24/01/2012

Con direttiva 14/2011 del 22/12/2011 il Ministro della Funzione Pubblica, Filippo Patroni Griffi, pr...