Consulenza o Preventivo Gratuito

Come si diventa wedding planner? Guida ad una nuova professione

del 14/10/2015

Come si diventa wedding planner? Guida ad una nuova professione

Complice l'attenzione dedicata da canali televisivi, la professione del wedding planner (organizzatore di matrimoni) ha trovato un riscontro sempre maggiore anche in Italia. Ma di cosa si occupa un wedding planner e come è possibile intraprendere questa professione?

Wedding planner: chi è e di cosa si occupa

Il wedding planner (usiamo il maschile anche se la professione è molto diffusa anche le donne) è una persona incaricata dagli sposi di progettare una o più parti del matrimonio. Solitamente si tratta di un libero professionista o del titolare di un'agenzia dedicata. I compiti del wedding planner sono moltissimi e vanno dall'aiuto nella scelta degli abiti nuziali, fino alla scelta di bomboniere, partecipazioni, addobbi floreali e di tutto ciò che riguarda il ricevimento.

Come diventare wedding planner

La professione del wedding planner non è normata da alcuna categoria specifica, e quindi può essere svolta da chiunque sia appassionato di organizzazione e matrimoni. In linea teorica non è necessario alcun titolo di studio anche se è consigliato avere conoscenze specifiche nel settore, che possono andare dalla decorazione fino all'organizzazione di eventi. Anche se non indispensabili per avviare un'attività di wedding planner, esistono corsi specifici organizzati in molte città, che insegnano le basi della professione, oltre a strategie di tipo commerciale per la gestione ed il reperimento dei clienti.

Il wedding planner può inoltre iscriversi ai registri internazionali di settore (come l'Association of Bridal Consultants), ma ancora una volta l'iscrizione è facoltativa. Tuttavia un riconoscimento può aiutare il futuro wedding planner a costruirsi una reputazione ed attirare quindi un numero maggiore di clienti.

Dal punto di vista normativo, per svolgere questo tipo di attività in maniera continuativa, è necessario che il professionista apra una partita IVA ed emetta regolari fatture per le prestazioni effettuate. Se l'attività viene condotta sotto forma di impresa invece, questa deve essere iscritta al Registro delle Imprese, secondo le modalità previste per questo tipo di procedura, che implica la compilazione della comunicazione unica per l'avvio di un'impresa o di un'attività commerciale, artigianale o dei servizi.

Il libero professionista o il titolare dell'impresa di wedding planner è tenuto al versamento delle imposte previste ed all'iscrizione all'INPS, che per le imprese avviene contestualmente alla dichiarazione unica. Al pari delle altre imprese anche un'agenzia di wedding planner è tenuta a rispettare le norme che riguardano la retribuzione e la sicurezza sul lavoro di eventuali dipendenti.

Infine non è necessario che l'agenzia o il professionista abbia una sede fisica; è possibile svolgere questa attività anche interamente online, con il supporto di un sito web professionale ben strutturato.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
La PNL nel mondo del lavoro

Rag. Francesca Seniga del 07/03/2012

Tutti i maggiori enti nazionali e internazionali pongono l’accento sulla necessità di formarsi e fo...

La legge sulle liberalizzazioni: le principali novità

Dott. Claudio Griziotti del 11/04/2012

Sulla Gazzetta Ufficiale del 24 marzo scorso è stata pubblicata la legge n. 27 relativa alla convers...

Life coaching e rapporto tra coach e cliente

Rag. Francesca Seniga del 30/11/2012

Il coaching professionale è un rapporto di partnership che si stabilisce tra coach e cliente con lo...