Consulenza o Preventivo Gratuito

Imprenditoria al femminile: come trovare bandi, prestiti e agevolazioni?

del 06/10/2015

Imprenditoria al femminile: come trovare bandi, prestiti e agevolazioni?

La risposta alla crisi occupazionale che interessa giovani e donne nel nostro paese può essere trovata nell'imprenditoria femminile, con l'apertura di una nuova attività o il rilancio di una già esistente. Vediamo quindi come orientarsi tra bandi, prestiti e agevolazioni pensati appositamente per le donne imprenditrici (o aspiranti tali).

Le agevolazioni regionali e provinciali

Un primo aiuto per l'apertura o il rilancio di un'attività di imprenditoria femminile può venire dagli enti territoriali. Sicilia, Campania, Veneto, Sardegna, Puglia e Lazio sono solo alcune delle regioni che nell'ultimo anno hanno stanziato bandi appositi per questo settore dell'imprenditoria. Con molta frequenza le province e le regioni di tutto il territorio nazionale pubblicano sui propri siti web e canali istituzionali bandi specifici destinati all'imprenditoria femminile. Già da ora inoltre, in alcuni territori, è possibile trovare i bandi dedicati all'imprenditoria femminile per il 2016.

La tipologia di aiuti e di fondi stanziati è molto diversa a seconda del bando a cui si fa riferimento. Tra i più diffusi sono presenti gli aiuti a tassi agevolati o a fondo perduto, ma non mancano attività specifiche come quelle destinate alla ristrutturazione aziendale. Comune a tutti i bandi è di solito il requisito che permette di accedere ai fondi per l'imprenditoria femminile. Le imprese che richiedono questo tipo di aiuti devono essere possedute da una donna, e nella quasi totalità dei casi è richiesto anche che la maggior parte dei soci (talvolta anche degli occupati) sia di sesso femminile, con percentuali variabili per ogni caso specifico.

Imprenditoria femminile e legge 215

Il sostegno alle attività imprenditoriali in rosa è determinato da una legge ( n° 215 del 1992) che prevede alcuni requisiti per l'ottenimento di aiuti ed agevolazioni. La legge prevede che gli aiuti, anche nel caso di finanziamenti a fondo perduto, siano destinati all'avvio di nuove attività, all'acquisizione di altre attività, utilizzate per acquisire servizi utili all'impresa o per la ristrutturazione di un'impresa femminile già esistente. 

A parte esclusioni specifiche per motivi dettati dai singoli bandi, tutte le attività imprenditoriali femminili esistenti o meno, possono accedere ai fondi. Requisito necessario per l'erogazione è che l'impresa sia regolarmente iscritta alla Camera di Commercio territoriale, e nel caso di avvio di nuova attività, possa dimostrare di aver già messo in atto le iniziative volte all'avvio dell'impresa, come ad esempio il reperimento di locali o di fabbricati adatti al tipo di attività che si intenderà svolgere.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi anche al sito web del Ministero per lo Sviluppo Economico (www.sviluppoeconomico.gov.it)


vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Accordi strategici: il consorzio tra imprese

del 08/07/2010

Il consorzio può trarre origine da un accordo tra i consorziati (c.d. consorzio contrattuale) o att...

Gli accordi di Joint Venture

del 19/07/2010

Il termine "joint venture", mutuato dal diritto anglosassone, viene utilizzato allorquando si tratta...

1,2 miliardi alle PMI

del 13/09/2010

Le PMI italiane, vera trama del tessuto economico nazionale, hanno retto l’impatto con la crisi econ...