Consulenza o Preventivo Gratuito

Codice fiscale per lavoro in condominio

del 16/09/2015

L’Agenzia delle Entrate chiarisce (risoluzione n. 74) che, quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del codice fiscale “cumulativo”.

Entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2014, in cui sono state sostenute le spese, è necessario: richiedere il codice fiscale per il condominio, tramite modello AA5/6; versare mediante F24 (codice tributo 8912), a nome del condominio, la sanzione minima di 103,29 euro; inviare una comunicazione in carta libera all’ufficio delle Entrate competente in base all’ubicazione del condominio.

Nella comunicazione, unica per tutti i condòmini, si deve indicare per ciascuno di essi: le generalità e il codice fiscale; i dati catastali delle rispettive unità immobiliari, i dati dei bonifici effettuati per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio; la richiesta di considerare il condominio quale soggetto che ha effettuato gli interventi; le fatture emesse dalle ditte nei confronti dei singoli condòmini, da intendersi riferite al condominio.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

La redazione del 02/10/2015

Nei giorni scorsi è entrata in vigore la nuova normativa che regola l'utilizzo delle caldaie ad uso...

Condominio: non basta la ricevuta dei pagamenti

del 21/09/2010

La ricevuta di pagamento emessa dall'amministratore al condomino rappresenta la prova della ricezion...

Telecamere vietate in condominio

del 29/12/2010

Vietata la videosorveglianza condominiale per la tutela dell'incolumità delle persone e delle cose d...