Consulenza o Preventivo Gratuito

È un’ingiuria definire leccapiedi un dipendente

del 04/09/2015

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)

Se il proprio datore di lavoro dà del “leccapiedi” a un suo sottoposto commette il reato di ingiuria ex art. 594 c.p.. 

Così ha deciso la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, nella sentenza n. 35013/2015 depositata il 20 agosto scorso.

Per gli Ermellini, infatti, “il potere gerarchico o comunque di sovraordinazione consente di richiamare, ma non di ingiuriare il lavoratore dipendenteo di esorbitare dai limiti della correttezza e del rispetto della dignità umana con espressioni che contengano un’intrinseca valenza mortificatrice della persona e si dirigano più che all’azione censurata, alla figura morale del dipendente, traducendosi in un attacco personale sul piano individuale, che travalichi ogni ammissibile facoltà di critica”. 

Ciò vale anche quando si accusi il lavoratore di avere un atteggiamento servile nei confronti del medesimo datore o di un altro o precedente collega.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La quantificazione del tasso alcolico

del 19/07/2010

Tribunale di Monza 17-07-2008 Giudice Monocratico Barbara - ART. 186 C.D.S. Poiché oggi la quantific...

Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Guida in stato di ebbrezza: co-proprietà

del 27/07/2010

Sequestro dell’auto per guida in stato di ebbrezza anche se vi sono due proprietari. Questa la dec...