Consulenza o Preventivo Gratuito

Vacanze e furgoni: quando è consentito l'uso?

del 31/07/2015

Vacanze e furgoni: quando è consentito l'uso?

Si può utilizzare un furgone per gli spostamenti di persone e merci da e verso i luoghi di vacanza? Posta in questo modo la domanda sembrerebbe scontata, ma è quanto si chiedono alcune persone che, costrette e fare i conti con molti oggetti da trasportare verso i luoghi di vacanza, hanno ipotizzato di chiedere in prestito un autocarro.

Prestito e noleggio di un furgone

Partiamo da un presupposto: nel caso in cui si decida di affittare un furgone, è scontato che la compagnia che offre il servizio metta a disposizione solo veicoli abilitati al trasporto di merci e/o persone ed in regola con tutti i permessi del caso. 

Nel caso in cui però l'ipotesi sia quella di farsi prestare il mezzo da amici o conoscenti, la questione che si pone è ben diversa. Infatti l'utilizzo di un mezzo non è sempre consentito a terze parti, soprattutto se per fini diversi da quelli per il quale è stato immatricolato.

Uso degli autocarri per utilizzo privato

Partiamo dal presupposto che quello che comunemente viene denominato furgone, per il codice della strada è un autocarro con massa inferiore ai 35 quintali. La precisazione è d'obbligo perché questa categoria di veicoli è sottoposta ad alcuni vincoli che riguardano i motivi di utilizzo.

Prima di accettare un veicolo in prestito è strettamente consigliato verificare con il proprietario che questo sia autorizzato per l'uso ai fini privati (o almeno per l'uso misto). In particolare se un autocarro è registrato come mezzo professionale, il suo uso non è consentito negli orari e nei giorni non lavorativi, anche da parte degli stessi proprietari.

Diverso è invece il caso in cui il furgone in questione sia stato immatricolato come mezzo per uso privato; in questo caso non ci sono limiti all'utilizzo.

Prima di utilizzare il veicolo è consigliato verificare inoltre che l'assicurazione stipulata non abbia delle limitazioni per l'utilizzo da parte di conducenti diversi dal proprietario o altri tipi di limiti, come ad esempio la guida riservata alle persone con età superiore ai 26 anni, il trasporto di persone o il traino di carrelli. 

In caso di mancato rispetto delle norme, il guidatore ed il proprietario del mezzo potrebbero incorrere in sanzioni anche importanti o in altri provvedimenti (a seconda del tipo di infrazione contestata), che potrebbero compromettere anche la possibilità di proseguire il viaggio. 

Per eventuali dubbi specifici e casi particolari è possibile rivolgersi alla motorizzazione o alle forze dell'ordine per un consiglio. 

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Guida in stato di ebbrezza e confisca dell'auto

del 10/09/2010

Non scatta la confisca obbligatoria dell’automobile se la persona fermata dalle Forze dell’Ordine h...