Consulenza o Preventivo Gratuito

Non è mobbing la decurtazione dello stipendio

del 16/07/2015

Non è mobbing la decurtazione dello stipendio

La Corte di Cassazione ha affrontato il caso di un lavoratore a cui era stato decurtato lo stipendio a causa dei reiterati ritardi. Nel caso affrontato (sentenza 13693/2015) la Suprema Corte ha stabilito che si tratta di una sanzione prevista dalla disposizione collettiva e che in casi analoghi è stata applicata per mancanze più lievi rispetto a quella in esame e che non c’è sproporzione tra la sanzione e le mancanze addebitate.

La Corte di Cassazione ha colto l’occasione per precisare quali sono gli elementi del mobbing sul lavoro:  "ai fini della configurabilità del "mobbing" lavorativo devono ricorrere: a) una serie di comportamenti di carattere persecutorio - illeciti o anche leciti se considerati singolarmente - che, con intento vessatorio, siano posti in essere contro la vittima in modo miratamente sistematico e prolungato nel tempo, direttamente da parte del datore di lavoro o di un suo preposto o anche da parte di altri dipendenti, sottoposti al potere direttivo dei primi; b) l'evento lesivo della salute, della personalità o della dignità del dipendente; c) il nesso eziologico tra le descritte e il pregiudizio subito dalla vittima nella propria integrità psico-fisica e/o nella propria dignità; d) l'elemento soggettivo, cioè l'intento persecutorio unificante di tutti i comportamenti lesivi (vedi, Cass. 6 agosto 2014 n. 17698)".

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...