Consulenza o Preventivo Gratuito

Telefonia, stop al roaming dal 2017

del 03/07/2015

Telefonia: roaming addio

Avevamo già avuto modo di parlare della volontà dell'Unione Europea di mettere la parola fine alle tariffe di roaming, un costo aggiuntivo per telefonate e navigazione in rete all'estero che molti si trovano costretti a pagare soprattutto durante l'estate, per il maggior numero di spostamenti verso altri paesi.

Stop al roaming dal 2017

Il processo verso l'abolizione del roaming sembra aver subito un'accelerazione da parte dell'Unione Europea, i cui stati membri hanno raggiunto un accordo per l'interruzione definitiva a partire dal 15 giugno 2017. Il traguardo tanto atteso dai consumatori è stato quindi anticipato di più di un anno; infatti la prima ipotesi di accordo aveva visto gli stati decidere per l'interruzione dal 2018. 

Anche se bisognerà attendere ancora quasi due anni per veder scomparire i costi aggiuntivi, una novità sarà introdotta già dal prossimo anno. A partire dal 2016 infatti le compagnie telefoniche europee non potranno applicare costi aggiuntivi che superino una certa soglia stabilita a livello centrale. In particolare per le telefonate potranno essere richiesti al massimo 5 centesimi di euro in più al minuto rispetto alla tariffa standard,  mentre 2 centesimi è il massimo che potrà essere addebitato in aggiunta per ogni SMS. Limite anche per la tariffazione del traffico dati: navigare in internet non potrà costare più di 0,05 euro aggiuntivi per ogni MB. A queste cifre va aggiunta l'IVA applicata nel paese di origine, ma secondo le stime comunicate dalla stessa Commissione Europea, i costi verrebbero tagliati di circa il 75% rispetto a quanto avviene attualmente.

Nuove regole dal 2016

Il 2016 sarà comunque un anno cruciale per le telecomunicazioni, in quanto la UE emetterà una nuova riforma per uniformare le reti nazionali, al fine di creare un unico mercato digitale europeo. La strada verso l'adozione di regoli comuni sembra ancora lunga, nel settore della telefonia. Si pensi infatti che al momento non ha ancora trovato effettiva applicazione la possibilità di scegliere le migliori tariffe telefoniche e per la navigazione quando si effettua traffico in roaming. In pratica sarebbe possibile (almeno sulla carta), selezionare la tariffa preferita degli operatori esteri prima di recarsi in un altro stato. Secondo i dati disponibili però, sembra che questa possibilità non sia applicata, o almeno non in forma estesa, nel nostro paese.

Prima di recarsi all'estero, anche per brevi periodi, consigliamo quindi di contattare il proprio operatore telefonico, per individuare le tariffe periodiche pensate per le telefonate da e verso l'estero. Tutti i principali operatori hanno infatti un'offerta specifica in tal senso.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...