Consulenza o Preventivo Gratuito

Co.co.pro. ad esaurimento

del 22/06/2015

A decorrere dall’entrata in vigore del Decreto sul riordino dei contratti di lavoro (in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ed entrata in vigore dal giorno successivo), i committenti/datori di lavoro non potranno più far ricorso a un contratto co.co.pro., quindi, dal 1° gennaio 2016 potranno proseguire solo le collaborazioni già in essere.

In ogni caso, restano salve:

·  le collaborazioni per le quali gli accordi collettivi stipulati dalle confederazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale prevedono discipline specifiche riguardanti il trattamento economico e normativo, in ragione delle particolari esigenze produttive ed organizzative del relativo settore;

·  le collaborazioni prestate nell’esercizio di professioni intellettuali per le quali è necessaria l'iscrizione in appositi albi professionali;

·  le attività prestate nell’esercizio della loro funzione dai componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società e dai partecipanti a collegi e commissioni;

·  le prestazioni di lavoro rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate e agli enti di promozione sportiva riconosciuti dal C.O.N.I.

È stata prevista, inoltre, una sanatoria - a partire dal 1° gennaio 2016 - per i datori di lavoro privati che stabilizzano i co.co.co.: questi potranno infatti assumere con contratti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, i soggetti già titolari (con i medesimi datori) di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (anche a progetto) o i soggetti titolari di partita IVA, con conseguente estinzione degli illeciti amministrativi, contributivi e fiscali, connessi all'erronea qualificazione del rapporto di lavoro pregresso, fatti salvi gli illeciti già accertati a seguito di accessi ispettivi effettuati in data precedente l’assunzione.

Tuttavia, esistono delle condizioni specifiche affinché i lavoratori possano essere “sanati”. Innanzitutto, è necessario che questi ultimi sottoscrivano, con riferimento a tutte le possibili pretese riguardanti la qualificazione del pregresso rapporto di lavoro, atti di conciliazione in sede sindacale, presso le Direzioni Territoriali del Lavoro o avanti alle commissioni di certificazione. L’altra condizione concerne l’impossibilità per i committenti/datore di lavoro, entro 12 mesi successivi alle assunzioni, di recedere dal rapporto di lavoro (salvo per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo).

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...