Consulenza o Preventivo Gratuito

Concordato preventivo in continuità e Durc

del 25/05/2015

Contatta | Studio Legale Paci & Partners
Via Santa Sofia,6 Milano 20122 Milano (MI)

Un’impresa che accede alla procedura di concordato preventivo con continuità aziendale quando può ottenere il Durc?

Il concordato in continuità (art. 186 bis Legge Fallimentare) prevede la possibilità per l’imprenditore in crisi di presentare ai creditori un piano di ristrutturazione dei debiti che preveda la prosecuzione dell’attività d’impresa, normativa introdotta da qualche anno allo scopo dichiarato di mantenere in vita le aziende in difficoltà e di salvaguardare i livelli occupazionali.

È evidente che molto difficilmente un’impresa che si occupa di appalti pubblici e privati riuscirà a “salvarsi” e a proseguire la propria attività tramite un concordato preventivo se non potrà ottenere il pagamento degli stati di avanzamento dei lavori o non potrà partecipare a gare di appalto.

La normativa sul DURC consente il rilascio del Documento in caso di sospensione dei pagamenti in seguito a disposizioni legislative (DM 24.10.2007 art. 5 c. 2 lett.b); già nel 2012 il Ministero (risposta ad interpello n. 41/2012) aveva ritenuto sussistere tale requisito nel caso di concordato in continuità ma solo a condizione che: il concordato fosse stato omologato, il piano prevedesse  l’integrale assolvimento dei debiti previdenziali e assistenziali contratti prima dell’attivazione della procedura concorsuale; fosse prevista una moratoria nei pagamenti per un periodo non superiore ad un anno.

Ora il Ministero del lavoro ritiene che sia sufficiente la pubblicazione della domanda di concordato nel registro delle imprese per l’ottenimento del DURC, purché il piano di concordato preveda l’integrale soddisfazione dei crediti dell’INPS, dell’INAIL e delle Casse Edili, nonché dei relativi accessori di legge. Tale intervento appare molto opportuno, in quanto dal deposito della domanda di concordato all’omologa possono passare molti mesi.

Ora pertanto sarà possibile alle imprese che hanno dato inizio al procedimento concordatario, nelle more del perfezionamento dell’omologa, ottenere il rilascio del DURC, con tutto ciò che ne consegue: un piccolo passo avanti a supporto del concordato in continuità aziendale.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il recesso del socio

Rag. Lisa Di Sacco del 18/01/2012

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo l...

Il Lean Thinking

Rag. Francesca Seniga del 31/01/2012

Nasce il Lean Thinking, un nuovo modo di pensare, che si sostanzia in una riorganizzazione dell’impr...

Appropriazione indebita e infedeltà patrimoniale

Avv. Barbara Sartirana del 13/02/2012

La sentenza della Cassazione Penale n. 4244 depositata in Cancelleria il 1° Febbraio 2012, con rif...