Consulenza o Preventivo Gratuito

Le ipotesi di rivalutazione delle pensioni

del 12/05/2015

È il tormentone del momento. Dopo che la Consulta della Corte dei Conti ha bocciato il provvedimento a firma Governo Monti, che metteva fine alla rivalutazioni della pensioni, gli assegni pensionistici dovranno essere rivisti al rialzo. Questo è certo. Ma per chi? E in che modo?

Il costo della messa in vigore del provvedimento sarebbe altissimo. Il dibattito è ancora molto acceso e, al momento, sembra lontano dalla chiara esplicitazione delle misure finali.

Come verranno rivalutate le pensioni

Diamo uno sguardo alle ipotesi più accreditate. Gli scaglioni saranno individuati in base all'ammontare dell'assegno attuale; in base a questi ultimi, la rivalutazione percentuale sarà diversa.

Le pensioni comprese tra la quota minima e i 1.500 euro lordi (tre volte l'assegno minimo) non sono interessate dalle novità in ebollizione: questa fascia non era stata toccata dal blocco in vigore per gli altri assegni.

Il problema è per gli “over 1500 euro”. Il governo di Enrico Letta aveva previsto una revisione del blocco, una misura che potrebbe fare da modello al provvedimento allo studio.

La rivalutazione plausibile prevedrebbe quattro fasce. Le valutazioni percentuali sarebbero inversamente proporzionali all'aumentare dell'assegno. Eccole elencate per voi:

95% di rivalutazione per gli assegni da circa 1.500 ai 2.000 euro

75% di rivalutazione per le cifre tra i 2.000 e i 2.500 euro

50% di rivalutazione per gli assegni tra i 2.500 e i 3.000 euro

nessuna rivalutazione per le cifre superiori

(Nota: gli importi elencati si riferiscono agli assegni lordi e sono stati arrotondati all'intero).

Rivalutazione: quanto mi costi?

Basta uno sguardo a quanto riportato per capire che la rivalutazione è cospicua, soprattutto per gli assegni compresi tra i 1.500 e i 2.000 euro.

Come sempre accade, fra il dire e il fare, c’è di mezzo la copertura finanziaria. Pur riconoscendo la legittimità di quanto affermato dalla Corte dei Conti, infatti, il governo deve racimolare i fondi necessari.

Le stime effettuate sono abbastanza discordanti. La cifra finale, comunque, si aggira, almeno, intorno ai 5 miliardi all'anno a rivalutazione in vigore. Ad essi si aggiungerebbero qualcosa come 10 miliardi per risarcire le mancate rivalutazioni precedenti. 

Bel problema, insomma. Data la difficoltà a reperire i fondi in un'unica soluzione, si pensa a rimborsi rateali, che modificherebbero ulteriormente le percentuali descritte.

Intanto, questo blog promette di stare dietro a tutte le ultime novità in merito. Continuate a seguirci!

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...