Consulenza o Preventivo Gratuito

Il marito che puzza non può pretendere rapporti

del 20/03/2014

In un caso preso in esame dalla suprema corte (sentenza n. 980 del 13 gennaio 2014), un marito rientrato dal pascolo e dalle attività di accudimento delle pecore aveva in qualche maniera imposto rapporti sessuali alla moglie senza essersi dedicato all'igiene del proprio corpo e per questo è stato condannato per il reato di violenza sessuale.

Secondo i giudici di piazza Cavour, la circostanza che la moglie avesse manifestato di essere d'accordo a fare sesso con suo marito se solo quest'ultimo si fosse lavato, non può far venir meno la violenza del rapporto sessuale. 

Quindi, vi è violenza sessuale tutte le volte in cui i rapporti sessuali vengano imposti in qualunque modo; non hanno invece alcun rilievo le modalità o le motivazioni che portano la persona offesa a  non rifiutare, in maniera assoluta, un rapporto sessuale.

Perché ci sia violenza sessuale e' sufficiente che il contatto corporeo sia "fugace ed estemporaneo" .

Si ha, invece, molestia sessuale quando si utilizzano espressioni volgari a sfondo sessuale ovvero atti di corteggiamento invasivo.

Si ha violenza sessuale quando qualcuno impone a qualcun altro di compiere o subire un atto sessuale.


vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corte di Cassazione: online i ricorsi

del 08/07/2010

Finalmente può partire il protocollo che permette agli avvocati la consultazione online dei ricors...

Fare causa d'ora in poi costerà di più

del 16/07/2010

Il maxiemendamento alla riforma finanziaria prevista dal Ministro Tremonti introduce un aumento del...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...