Consulenza o Preventivo Gratuito

Violenza sessuale su minore senza contatto

del 23/10/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)
Violenza sessuale su minore senza contatto

Non è necessario un vero e proprio contatto fisico, tra carnefice e vittima, per l'integrazione del delitto di violenza sessuale su minore.

E' quanto emerge dalla sentenza 22 luglio 2013, n. 31290 della Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione.

Il caso vedeva un uomo compiere condotte idonee e dirette in modo non equivoco a compiere atti sessuali con alcuni minori, consistenti nell'avvicinare i minori e richiedere agli stessi il compimento di atti sessuali.

Nel caso di specie "la particolare invasività della condotta, il vero e proprio "accerchiamento" della vittima, correttamente è stata ritenuta dal giudice di merito, con valutazione ex ante, idonea alla costrizione ovvero a carpire il consenso agli atti sessuali invocati. Quanto alla univocità della condotta, essa emerge oggettivamente non solo dal tenore non equivoco delle frasi pronunciate, ma anche dal fatto che gli inviti a consumare gli atti sessuali sono stati accompagnati dalla indicazione di luoghi di consumazione in grado di garantire una sfera di intimità (casa, ascensore, parco)".

Neppure può essere invocata l'attenuante della minore gravità del fatto.

Infatti, come evidenziato dai giudici di legittimità "ai fini della configurabilità della circostanza attenuante del fatto di minore gravità nel tentativo di violenza sessuale non si deve tenere conto dell'azione effettivamente compiuta dall'agente, ma di quella che lo stesso aveva intenzione di porre in essere e che non è stata realizzata per cause indipendenti dalla sua volontà".

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...