Consulenza o Preventivo Gratuito

Assemblea condominiale, le attribuzioni

del 18/09/2013

Assemblea condominiale, le attribuzioni
Le attribuzioni dell’assemblea dei condomini vengono descritte analiticamente all’art. 1135 del Codice Civile.

L’assemblea può nominare l’amministratore e destinare dei fondi per la sua retribuzione eventuale, delibera in merito all’approvazione del bilancio consuntivo annuale e alla destinazione dell’eventuale residuo attivo della gestione e provvede alla valutazione ed eventuale successiva approvazione del bilancio preventivo per l’esercizio futuro e della relativa ripartizione tra i condomini.

Infine l’assemblea delibera le opere straordinarie da eseguirsi presso l’immobile e le innovazioni costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all’ammontare dei lavori (legge 11.12.2012 n. 220 che va a sostituire integralmente il comma 4). Possiamo quindi delineare che la riunione condominiale è il momento principe della vita del condominio.

E’ il luogo in cui viene controllata la gestione amministrativa, l’operato dell’amministratore e quanto è accaduto durante l’esercizio.

In detta sede vengono normalmente richieste le delucidazioni del caso su lettere e comunicazioni pervenute che hanno portato ad opere ed interventi durante l’anno o alla produzione di incartamenti necessari.

L’assemblea dei condomini da inoltre la possibilità a questi ultimi di trattare argomenti minori nel punto “varie ed eventuali”.

Ma l’assemblea è anche il momento dove viene fatto un punto sulla condizione manutentiva e sulla situazione economica, che se vogliamo sono gli aspetti fondamentali della gestione e della vita del condominio perché in relazione alla situazione rilevata in merito allo stato manutentivo, alle necessità della struttura ed alle giacenze economiche l’assemblea delibera di programmare e/o eseguire delle opere atte al mantenimento dell’immobile stesso per la salvaguardia della sicurezza e del decoro architettonico dell’immobile.

Questo dovrà chiaramente essere fatto deliberando in rispetto alle maggioranze stabilite dall’art. 1136 del codice civile e i condomini potranno così dare disposizioni all’amministratore in merito al tipo di opera da eseguire o al tipo di intervento desiderato. I condomini potranno altresì delineare un intervento che ritengono opportuno e deliberare di creare un fondo di riserva destinato a tale opera.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Caldaie e valvole per i termosifoni, cosa cambia?

La redazione del 02/10/2015

Nei giorni scorsi è entrata in vigore la nuova normativa che regola l'utilizzo delle caldaie ad uso...

Condominio: non basta la ricevuta dei pagamenti

del 21/09/2010

La ricevuta di pagamento emessa dall'amministratore al condomino rappresenta la prova della ricezion...

Telecamere vietate in condominio

del 29/12/2010

Vietata la videosorveglianza condominiale per la tutela dell'incolumità delle persone e delle cose d...