Consulenza o Preventivo Gratuito

Reato di molestie tramite sms

del 12/09/2013


E' punita la condotta di colui il quale tramite telefono cellulare, inoltra messaggi di testo (sms) dal contenuto ingiurioso alla persona offesa, a nulla rilevando il mancato occultamento dell’identità del mittente né tantomeno l’esiguità numerica degli sms ( integra la condotta tipica del reato anche il semplice invio di soli due SMS in ora diurna) - cfr. articolo 660 del codice penale.

E’ la posizione assunta dal Supremo Collegio di legittimità il quale con la sentenza n. 2597/2013 ha precisato e chiarito come la fattispecie contravvenzionale in oggetto non deve essere intesa come necessariamente abituale e pertanto è suscettibile di essere commessa anche con una sola azione, cui corrisponde un singolo episodio di disturbo o di molestia a causa del contenuto offensivo del testo inviato alla persona offesa.

Le conclusioni cui giungono i Giudici di Palazzo Spada si basano su un semplice quanto completo ragionamento: il reato di molestie è posto a salvaguardia non solo dell’ordine pubblico, ma anche della tranquillità della persona offesa, quest’ultima intesa come riservatezza e intangibilità della sfera della vita privata; di conseguenza la condotta di cui si tratta è idonea a recare molestia e disturbo al destinatario dei messaggi perché costui viene a trovarsi in una condizione di forte disagio nella quale vengono alterate le normali condizioni di tranquillità personale e familiare.

Diventa oggetto di incriminazione penale, dunque, ogni atteggiamento di intromissione continua, di arrogante invadenza nella altrui sfera di libertà capace di arrecare molestia/disturbo a chi lo subisce: la molestia, in particolare, è in quell’azione capace di incidere negativamente sulla condizione psichica del destinatario, alterandola fastidiosamente o inopportunamente, mentre il disturbo si realizza tutte le volte in cui è evidente l'alterazione delle normali condizioni di vita del soggetto passivo del reato.
vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Partita regolare ma tifosi condannati

del 15/09/2010

Se un tifoso viene imputato per turbamento dell'ordine pubblico a seguito di disordini e danneggiame...

Penale preclusa senza riapertura delle indagini

del 22/09/2010

Una volta archiviato il procedimento, il Pubblico Ministero perde il potere di adottare ulteriori op...