Consulenza o Preventivo Gratuito

Concorso di colpa se la vittima non ha le cinture

del 16/08/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)

Vittima guida senza cinture? C'è concorso di colpa.

Cassazione penale, sez. IV, sentenza 06.06.2013 n° 25138

Il mancato uso, da parte della vittima, della cintura di sicurezza, non vale, di per sé, ad escludere il nesso di causalità tra la condotta del conducente di un’autovettura che, violando ogni regola di prudenza e la specifica norma del rispetto dei limiti di velocità, abbia reso inevitabile l’impatto con altra autovettura sulla quale viaggiava la vittima, e l’evento.

Come evidenziato dagli ermellini, le cinture di sicurezza costituiscono, in caso di incidente stradale, uno dei più importanti meccanismi di protezione per chi si trova all'interno dell'autovettura, riducendo il rischio che il guidatore ed i passeggeri urtino l'interno del veicolo o vengano catapultati fuori al momento dell'impatto.

Se l'inottemperanza all'obbligo di far indossare la cintura di sicurezza ai passeggeri comporta la diretta responsabilità del conducente, non può escludersi che la violazione del medesimo obbligo relativo alla persona stessa del conducente possa rappresentare un contributo causale alla produzione dell'evento mortale, traducendosi, così, in un eventuale concorso colposo della vittima che deve essere necessariamente valutato e quantificato ai fini delle connesse determinazioni (Cass. pen., Sez. IV n. 37327 del 5 giugno 2012).

Secondo l'orientamento dominante in giurisprudenza, fatto proprio dai giudici di legittimità: "In tema di omicidio colposo conseguente a sinistro stradale, il mancato uso, da parte della vittima, della cintura di sicurezza non vale di per sé ad escludere il nesso di causalità tra la condotta del conducente di un'autovettura che, violando ogni regola di prudenza e la specifica norma del rispetto dei limiti di velocità, abbia reso inevitabile l'impatto con altra autovettura sulla quale viaggiava la vittima, e l'evento, non potendo considerarsi abnorme né del tutto imprevedibile il mancato uso delle cinture di sicurezza, il quale può, tuttavia, riflettersi sulla quantificazione della pena e sull'ammontare risarcitorio" (Cass. pen., Sez. IV, n. 42492 del 3 ottobre 2012, Rv. 253737).

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Corte di Cassazione: online i ricorsi

del 08/07/2010

Finalmente può partire il protocollo che permette agli avvocati la consultazione online dei ricors...

Fare causa d'ora in poi costerà di più

del 16/07/2010

Il maxiemendamento alla riforma finanziaria prevista dal Ministro Tremonti introduce un aumento del...

In arrivo il Regolamento di attuazione sulla conciliazione

del 20/09/2010

Fa già discutere per alcune carenze e zone d’ombra rilevate dal Consiglio di stato e dal Consiglio n...