Consulenza o Preventivo Gratuito

Le imposte indirette sui trasferimenti di immobili

del 15/08/2013

Il nostro sistema tributario prevede che i trasferimenti a titolo oneroso possono essere soggetti alternativamente all’imposta di registro ovvero all’IVA. Mentre l’imposta di registro, disciplinata dal DPR 26 aprile 1986, n. 131,  è correlata alla formalità della registrazione dell’atto di cessione dell’ immobile (per atto pubblico o scrittura privata autenticata), l’imposta sul valore aggiunto, DPR 633/72, ha come presupposto la manifestazione economica dell’operazione di cessione, in quanto posta in essere nell’esercizio di impresa e a titolo oneroso.  Sono dovute per l’esecuzione delle formalità di trascrizione e voltura degli immobili presso i pubblici registri immobiliari e catastali anche le imposte ipotecarie e catastali (D. Lgs 347/1990). Pertanto in caso di acquisto di beni immobili abitativi e delle relative pertinenze,  l'acquirente privato viene tassato nei seguenti modi: se il  venditore è un’impresa costruttrice, in caso di prima casa IVA 4%, imposte ipotecaria e catastali fisse di euro 168,00.= l'una;  in caso di seconda casa IVA 10% (21% per immobili di lusso) imposte ipotecarie e catastali fisse di euro 168,00.=. Se il venditore, poi, è impresa costruttrice che vende un immobile ultimato da più di 5 anni non si applica IVA ma  l'imposta di registro; se il venditore è un privato o impresa che non li ha costruiti o ristrutturati: in caso di prima casa imposta di registro  del 3%, imposte ipotecarie e catastali fisse di euro 168,00 ciascuna; in caso di seconda casa imposta  di registro 7%, imposta ipotecaria 2%, imposta catastale 1%. Queste aliquote di imposta di registro saranno in vigore fino al 31 dicembre 2013.  A partire dal 1 gennaio 2014 invece un sistema più semplificato prevederà due sole aliquote eliminando le attuali in vigore. Il comma 2 dell'art. 10 del Dlgs n. 23 del 14/03/2011, detto anche “decreto sul federalismo municipale”,  dispone l' applicazione delle seguenti aliquote: aliquota del 9% che si applica agli atti di trasferimento a titolo oneroso della proprietà di beni immobili e agli atti traslativi di diritti reali immobiliari di godimento, compresi la rinuncia pura e semplice agli stessi, i provvedimenti per pubblica utilità e i trasferimenti coattivi; aliquota del 2% che si applicherà al trasferimento di beni immobili ad uso abitativo qualora ricorrano le condizioni per l'applicazione dell'agevolazione “prima casa”. Fanno eccezione le categorie catastali A1 - abitazione di tipo signorile , A8 – abitazioni in ville  ed  A9 castelli palazzi di eminenti pregi artistici e storici  .  A partire dal prossimo anno, l'aliquota applicabile in presenza di agevolazione prima casa viene ridotta di  un punto percentuale, mentre l'aliquota residuale del 9% sarà in alcuni casi maggiore (acquisto di immobili diversi dalla prima casa, attualmente l'aliquota è il 7%, o trasferimento di terreni a giovani agricoltori (IAP), aliquota attuale 6%), ed in altri casi notevolmente ridotta (acquisto di terreni agricoli a favore di soggetti diversi dall'imprenditore agricolo, aliquota attuale 15%).  Lo stesso decreto stabilisce che l'imposta di registro da versare non potrà essere inferiore a 1.000,00.= euro. Con la medesima ricorrenza tutti gli atti direttamente conseguenti al trasferimento da effettuare presso il catasto saranno  esenti da bollo, imposta ipotecaria e imposta catastale, nonché tributi speciali catastali e tasse ipotecarie.  Saranno, inoltre, abrogate tutte le esenzioni ed agevolazioni tributarie, anche se previste da leggi speciali.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Riaddebito di spese tra professionisti

del 16/09/2010

La Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro ha emesso un parere che precisa le modalità di trattam...

No all'Irap per il commercialista in Cda

del 20/09/2010

Il commercialista che ha prodotto reddito derivante dalla sua attività come membro di consigli di am...

Rettifica Iva legittima

del 22/09/2010

Quando l'accertamento bancario intervenuto sul contribuente è sufficientemente motivato, il che sign...