Consulenza o Preventivo Gratuito

Pensionati italiani: donne sempre più povere

del 15/08/2013

La fonte dei dati è autorevolissima: l’INPS, in collaborazione con Istat, prende la parola sull’argomento pensioni nel suo tradizionale studio annuale dedicato al fenomeno.

Dall’analisi appena pubblicata si evince che in Italia i pensionati sono per la maggior parte di sesso femminile, il 52,9% sul totale, pari a 16,7mln di cittadini. Attenzione però: ancora oggi, a un maggior numero di donne in pensione non corrisponde una maggiore somma percepita mensilmente dal sesso femminile: gli uomini detengono pensioni più alte e in totale percepiscono 149 miliardi di euro della spesa complessiva del sistema.

Pensioni d’oro e medie nazionali

Sono 900.000 i fortunati pensionati che percepiscono una pensione di oltre 3.000 euro mensili. La discrepanza fra uomini e donne resta del tutto evidente: 675.000 sono di sesso maschile e appena 204.000 femminile. Riflesso, indubbiamente, anche della distribuzione discriminatoria all’interno della classe dirigente del nostro Paese, nella quale vanno ricercate le retribuzioni pensionistiche più alte, delle figure femminili.

Scendendo dal piedistallo dei pensionati d’oro, la situazione è meno rosea. Per ciò che riguarda le medie nazionali sulle mensilità pensionistiche percepite, l’importo medio nazionale è pari a 14.460 euro per gli uomini e solo 8.732 per le donne. Si noti bene: 7,4mln di pensionati in Italia non arrivano a percepire mille euro.

La distribuzione geografica dei dati

Il Nord d’Italia detiene il record della diseguaglianza pensionistica uomo/donna: in Liguria, in testa alla classifica, gli uomini percepiscono ogni mese una pensione maggiore del 55,3% rispetto alle corregionali pensionate.

Scendendo lungo lo stivale, invece, le cifre tendono a equipararsi e la forbice tende a chiudersi in favore di una maggiore equiparazione delle somme fra donne e uomini

Perché una tale discrepanza uomini e donne?

Innanzitutto, un dato semplice è quello per cui le donne lavoratrici sono in numero minore rispetto ai lavoratori uomini. Inoltre, è necessario ricordare che in Italia a parità d’incarico lavorativo, sono ancora le donne a percepire lo stipendio più basso. La retribuzione pensionistica, dunque, è un riflesso diretto di tale situazione nazionale.

Il mondo delle pensioni in Italia, dunque, si conferma uno specchio di una società piena di nette disparità di genere. Oltre a essere una delle categorie più svantaggiate nella ricerca e nel mantenimento dell’occupazione, le donne (soprattutto quelle del Sud) risultano il fanalino di coda anche delle previdenze sociali della Terza Età.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Pensioni: le novità del 2011

del 27/12/2010

Dal prossimo anno cambiano i requisiti e modalità di percezione degli assegni di previdenza. Nel det...

Incentivi per chi assume over 50

Rag. Maurizio Cason Villa del 09/05/2012

Il Consiglio dei Ministri ha presentato il 23 marzo 2012 il disegno di legge di riforma del mercato...

Innalzamento dell'eta pensionabile per le donne

Dott. Paolo Mussi del 11/07/2011

Scrivere di pensioni è sempre stato difficile, tanto più in concomitanza con manovre economiche più...