Consulenza o Preventivo Gratuito

Bonus Bebè: termini e modalità delle richieste

del 26/06/2013

Bonus bebè: dopo averne tanto parlato e letto, è finalmente giunto il momento di renderlo effettivo e di poter usufruire, in via sperimentale per il biennio 2013/2015, dei vantaggi economici ad esso legati.

Questa agevolazione è dedicata alle madri lavoratrici e si propone come opzione al congedo parentale: un modo per agevolare il rientro al lavoro delle mamme così come è stato previsto dalla Riforma Fornero approvata nel 2012.

Ovviamente si applica dopo l’astensione obbligatoria dal lavoro per maternità e si può richiedere negli 11 mesi successivi tale periodo per una durata non superiore ai sei mesi – per le lavoratrici dipendenti che rinuncino al congedo parentale facoltativo – e di tre mesi per le lavoratrici autonome.

L’importo del bonus è pari a 300 euro mensili e può essere richiesto per più figli e anche per i figli che nasceranno nei 4 mesi successivi alla data ultima prevista dall’INPS per inoltrare la richiesta.

Uniche esclusioni previste sono per  quelle madri lavoratrici usufruiscano di una esenzione totale del pagamento dei servizi pubblici o privati convenzionati per l'infanzia e per le lavoratrici iscritte ad altra gestione, come ad esempio le coltivatrici dirette.

Con il nuovo bonus bebè le lavoratrici hanno poi una doppia possibilità:  potranno scegliere se fare richiesta di un bonus che consenta loro di ricevere un contributo economico che le metta nella condizione di pagare la retta di un asilo oppure di chiedere alcuni “buoni lavoro” (voucher) utilizzabili per pagare una baby sitter.

Per poter richiedere il bonus per il contributo economico mensile è poi necessario dimostrare che il bambino è iscritto presso un asilo nido mentre per i voucher bisogna dimostrare di usufruire di servizi di baby sitting.

Vediamo ora come procedere per inoltrare la richiesta

Ancora una volta, il web semplifica la vita a tutti. L’istanza va infatti inoltrata in forma telematica accedendo al sito istituzionale dell’INPS ed effettuando il login utilizzando il proprio codice pin dispositivo. Chi non ne fosse ancora in possesso, può richiederlo presso la sede INPS di riferimento territoriale.

Dopo essersi loggati al sito, accedere all’area dedicata attraverso il link: “servizi al cittadino”. La domanda si compila online e potrà essere effettivamente inoltrata solo nel periodo previsto e cioè dalle ore 11:00 del 1° Luglio 2013 fino al 10 Luglio 2013.

Fino al 1° luglio è possibile quindi compilare il modulo online e anche salvarlo per poter eventualmente apportare modifiche ove fosse necessario, ricordando però che una volta inviata la richiesta si conferma la scelta operata che non potrà essere cambiata se non cancellandola ed inoltrandone una ex novo.

È bene non dimenticare di produrre preventivamente il proprio ISEE all’INPS nel caso in cui questo non sia già presente nell’archivio telematico.

Inviata la richiesta, sarà necessario poi verificare se si è rientrati nelle graduatorie che verranno pubblicate sul sito dell’INPS dopo 15 giorni a partire dalla scadenza del bando.

Graduatorie che prenderanno in considerazione prioritariamente le condizioni economiche delle famiglie svantaggiate.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...