Consulenza o Preventivo Gratuito

Risponde il datore se il dipendente lavora troppo?

del 18/06/2013

La “scelta consapevole e volontaria” del dipendente di sostenere orari di lavoro pesanti esonera il datore di lavoro dalla responsabilità disposta dall'articolo 2087 del Codice Civile. Lo stabilisce la Corte di Cassazione Civile con la sentenza numero 2087 del 23 maggio scorso.

Il lavoratore ha infatti la facoltà di tutelare la propria salute fisica e psichica opponendosi al compimento di attività pericolose. Se non lo fa, decidendo di sostenere liberamente orari di lavoro pesanti o più lunghi del previsto, il datore di lavoro non è più obbligato a rispondere del logoramento del suo dipendente.

Se poi il lavoratore in questione è un dirigente dell'azienda, questa conclusione della Suprema Corte assume una rilevanza maggiore in quanto a questa categoria viene riconosciuta una libertà d'organizzazione affatto vincolante.

Il caso in cui la Corte di Cassazione è stata chiamata ad esprimersi riguarda un dirigente di una azienda che si era rivolto, nel 2006, al Tribunale di Pescara con numerose richieste che erano state respinte.
Il dipendente chiedeva una remunerazione adeguata agli incarichi svolti con mansioni di livello più alto rispetto al quelle per cui era stato assunto; l'incentivo per i risultati eccellenti raggiunti dall'azienda grazie al suo operato; varie indennità fra cui quella di trasferimento di proprietà di azienda e sostitutiva di preavviso; i danni subiti per un demansionamento e quelli biologici per il troppo lavoro.

Anche i Giudici della Corte d'Appello dell'Aquila, ripercorrendo i passi dei colleghi di Pescara, non hanno accettato il ricorso del dirigente aziendale e hanno esonerato da qualsiasi responsabilità il titolare della società che si occupa di servizi energetici e multitecnologici per cui l'uomo lavorava.

Malgrado i rigetti di primo e secondo grado, il dirigente è ricorso anche in Cassazione con scarsi risultati. I Giudici della Suprema corte hanno innanzitutto rilevato che non vi era alcun nesso causale fra il danno biologico che l'appellante sosteneva di aver subito e il comportamento del titolare. A nulla è servita la tesi sostenuta dalla difesa, che metteva l'accento sul fatto che il datore di lavoro favoriva l'accesso volontario e anzi lo promuoveva, fatto che era da considerare più che sufficiente per richiamare il titolare a rispondere delle proprie responsabilità secondo il Codice Civile.

Secondo gli Ermellini, quando accade un logorio del dipendente, sia esso fisico o psichico, causato dalla sua stessa volontaria decisione di lavorare più ore del dovuto, la responsabilità non può essere attribuita al suo datore di lavoro.  

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...