Consulenza o Preventivo Gratuito

Malattia e licenziamento

del 12/06/2013

Malattia e licenziamento

Durante la malattia il dipendente è tenuto ad essere reperibile dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00 – festivi e domeniche inclusi - presso l’indirizzo abituale o il domicilio occasionale che avrà preventivamente comunicato all’azienda.

L’assenza del lavoratore alla visita fiscale non comporta automaticamente l’applicazione delle sanzioni disciplinari e la decurtazione dell’indennità qualora si fornisca una adeguata giustificazione.

La giurisprudenza infatti ritiene che il dipendente sia legittimato a trovarsi altrove non soltanto per cause di forza maggiore o per stato di necessità ma anche nell’eventualità in cui ricorra un serio motivo riconducibile ad adempimenti non effettuabili in orari diversi.

La Corte di Cassazione ha chiarito che è sufficiente a giustificare l’assenza una ragione socialmente apprezzabile come la necessità di recarsi dal medico per verificare clinicamente il decorso della malattia.

Perciò non è passibile di licenziamento colui che si assenta nelle ore di reperibilità per recarsi dal medico – che riceve soltanto in quelle ore – per farsi certificare la guarigione o la proroga della malattia.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

In Italia migliaia di lavoratori sono in nero

del 09/09/2010

Secondo l’Ufficio Studi della Confartigianato sono poco meno di 650.000 i lavoratori irregolari in...